direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Stati Uniti: Pasquale Nestico con Filitalia International a Kulpmont per la Festa di San Marziale, patrono degli iscani

ITALIANI ALL’ESTERO

 

KULPMONT – Isca sullo Ionio è un paese di poco più di 1600 abitanti a una quarantina di chilometri da Catanzaro con una lunga storia di emigrazione che ne ha cambiato il tessuto sociale e economico. Nel 1861 aveva circa 2000 abitanti arrivando al massimo della sua espansione demografica a  circa 3200 nel 1951. Da allora vi è stata una discesa inarrestabile che ha spopolato il paese nonostante l’impegno delle amministrazioni locali e nonostante molti giovani non vogliano più emigrare.

Tra il 1892 e il 1924 almeno 700 iscani sono passati attraverso Ellis Island con destinazione Filadelfia e Pennsylvania alla ricerca di un’opportunità. A fine Ottocento molti furono ingaggiati per lavorare nelle miniere di carbone antracite nella contea di Northumberland, a Shamokin, Mount Carmel, Atlas, e Kulpmont, dove si festeggia  il patrono di Isca, San Marziale con imponenti processioni che si tengono pure a Montréal, a South Philadelphia, e naturalmente a Isca. In particolare i festeggiamenti in onore di San Marziale a South Philadelphia sono stati organizzati e sostenuti all’inizio degli anni ’80 dal COSMI – Comitato Organizzativo San Marziale Inc. – fondata nel 1980 e poi successivamente dal Filitalia International) fondata dal prof. Pasquale Nestico, presidente onorario del sodalizio con sede presso il Museo dell’Emigrazione Italiana appositamente creato , sito presso  il 1834-1836 E. Passyunk in Filadelfia. Fondazione ora ben rappresentata anche in Italia con un apposito Distretto con 10 chapter diretto da Daniele Marconcini, tra l’altro presidente dell’Associazione dei Mantovani nel Mondo Onlus ed Editore del portale dei Lombardi nel Mondo (con direttore responsabile Luciano Ghelfi ,giornalista parlamentare del Tg2 attualmente impegnato con l’attività della Presidenza della Repubblica italiana.).

Il 9 luglio u.s Filitalia International ha organizzato un viaggio di un folto gruppo di famiglie di origine calabrese per  festeggiare il Patrono San Marziale a Kulpmont dove vivono i discendenti dei primi emigranti calabresi ed iscani arrivati nel 1898 con la nave da crociera Stampalia partita da Napoli.  Pasquale Nestico, accompagnato da Daniele Marconcini presidente dei Mantovani nel Mondo e governatore del Distretto Italia di Filitalia International, Rosetta Miriello presidente uscente del sodalizio e Dorotea Lunghi ,studentessa universitaria italiana in stage presso Filitalia, sono stati accolti assieme alle famiglie iscane di Filadelfia da Joe Passarello presso “La Cantina Stampalia” , sede degli emigranti italiani e calabresi a Kulpmont .

Dopo il pranzo , si è svolto un breve rito religioso presso la Chiesa cattolica locale , the Church of the Holy Angels e una processione per le vie del paese con la banda locale, i mezzi antincendio dei pompieri  e le associazioni religiose locali . Erano presenti anche molti discendenti di primi emigranti polacchi – ucraini con lo stendardo di San Casimiro . La statua di San Marziale ,come è tradizione è stata ricoperta di dollari in segno di devozione e portata a spalle, a turno, dai rappresentanti del locale Comitato di San Marziale mentre i fedeli cantavano l’inno dedicato al Santo e canti religiorsi. La processione era preceduta da un rappresentante dell’Ordine di Malta che portava il crocefisso. Alla processione ha partecipato un giovane sacerdote Matthew Smith proveniente da York. Finita la processione è stata consumata una cena con tutti i fedeli e gli ospiti presso dei locali adiacenti la Chiesa .

Pasquale Nestico prima di accomiatarsi , si è incontrato per presentare scopi e programmi di Filitalia International con una delegazione del Comitato locale di San Marziale formato da  Tom Letcavage, Andrew Procopio, Chris Bressi.

Nell’area di Shamokin , Kulpmont , Mount Carmel la storia dell’emigrazione italiana arrivata a fine Ottocento per lavorare nelle miniere , è stata studiata e censita a suo tempo dallo storico Ernesto Milani , collaboratore del Portale dei Lombardi nel Mondo  in collaborazione con Giancarlo Storti

Molte di di queste famiglie  sono ricordate in alcuni documenti provenienti dal Ellis Island e conservati presso la Cantina Stampalia. Tra esse figurano i Mirarchi, Nestico, Anania, Andracchio, Anoia, Bressi, Coroniti, Calabretta, Cosentino, Dominianni, Feudale, Gidaro, Guarna, Gatto, Greco, Lentini, Leuzzi, La Croce, Longo, Minniti, Mannello, Miriello, Muccari, Ortona, Pupo, Procopio, Pitingolo, Pittello,Portaro, Rovito,Schicchitano, Sgro, Sinopoli, Varano, Vivaldo e molti altri ancora.(d.m./Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform