direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Notte europea dei Ricercatori”: in Italia nove progetti sostenuti dalla Commissione Europea

INIZIATIVE

Torna in tutta Europa il 27 settembre l’atteso appuntamento con i ricercatori

ROMA – La “Notte europea dei Ricercatori” si svolgerà in tutta Europa il 27 settembre e vedrà l’Italia impegnata con nove progetti sostenuti dalla Commissione europea. L’evento è stato presentato con la partecipazione del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Lorenzo Fioramonti, del Direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, Vito Borrelli, e dei rappresentanti dei nove progetti italiani finanziati dalla suddetta Commissione, e di Marco Cattaneo, intervenuto in veste di Direttore de “Le Scienze”.

 La Notte europea dei Ricercatori non è solo un momento divertente ma è la celebrazione di un ruolo sempre più fondamentale in un contesto economico avanzato: il ricercatore è una figura che si assume dei rischi. Aprire i nostri enti di ricerca e università alla comunità è riconoscere il ruolo della ricerca nel dibattito sociale, riconoscere che la ricerca fa bene a tutti. Gli scienziati non sono separati dal resto del Paese: questa distinzione deve essere superata, la scienza è strumento di emancipazione per tutti. Ho quantificato almeno in un miliardo i fondi pubblici che servono per fare in modo che si possa cominciare a rilanciare la ricerca e la formazione in questo Paese”, ha dichiarato il Ministro Lorenzo Fioramonti promettendo quindi che “la politica ascolterà la scienza, in primis sul tema dei cambiamenti climatici e dello sviluppo sostenibile, credendo anche fortemente nella citizen science come sforzo collaborativo”. E’ stato poi ricordato come la data del 27 settembre si leghi anche ai “Fridays for Future”: per l’occasione verrà lanciato un banner, che sarà posto sulla facciata del Ministero, al fine di raccontare la dedizione alla lotta fattiva contro i cambiamenti climatici. Saranno ospitate numerose scuole all’interno del Ministero per raccontare i loro progetti di transizione ecologica e di efficientamento energetico, con l’obiettivo della tutela e della salvaguardia dell’ambiente.

“Oltre alla Notte del 27 settembre, durante la settimana ci saranno anche dei pre-eventi a cui partecipano molti studiosi del programma MSCA. Il linguaggio della ricerca può apparire complesso: questo progetto porta nelle strade, nelle piazze, nei luoghi del patrimonio culturale la ricerca, per farne capire l’importanza” ha dichiarato il Direttore Vito Borrelli.

I progetti italiani sostenuto dall’Europa sono: “B-FUTURE” (coordinato dalla Fondazione Neuromed); “BEES” (coordinato dall’Associazione Frascati Scienza); “BRIGHT” (coordinato dall’Università degli studi di Siena); “ERN APULIA” (coordinato dall’Università del Salento); “LUNA 2019” (coordinato dall’Accademia Europea di Bolzano); “MEET me TONIGHT” (coordinato dall’università di Milano Bicocca); “SHARPER” (coordinato da Psiquadro – impresa sociale di comunicazione della scienza); “SOCIETY” (coordinato dal Consorzio interuniversitario CINECA) e “SUPERSCIENCEME” (coordinato dall’Università della Calabria). A questi nove progetti si affiancano due progetti associati, “BRAINCITIES” (nelle città di Potenza, Matera, Melfi, Tito, Marsiconuovo, Nemoli) e “CLOSER” (in Piemonte). Da sud a nord, lungo tutta la penisola, saranno coinvolte oltre cento città. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform