direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Mattarella alla cerimonia per il decimo anniversario della fondazione dell’Organizzazione Europea di Diritto Pubblico (EPLO)

QUIRINALE

Visita del Capo dello Stato in Grecia

 

“Libertà, democrazia, diritti umani, rappresentano valori e traguardi ‘caratteristici’ dell’Europa”

 

ATENE – “L’Europa continua a costituire uno dei baricentri del sistema politico internazionale, in primo luogo per l’efficacia dimostrata nel coltivare, definire e preservare i diritti, i principi e gli ideali che sono alla base delle nostre società e che hanno largamente ispirato la creazione di organismi cardine dell’attuale sistema delle relazioni internazionali, delle convenzioni ad essi connesse, la redazione delle dichiarazioni universali dei diritti”.

Lo ha detto il presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, intervenuto – insieme al presidente della Repubblica Ellenica Prokopios Pavlopoulos e al Presidente della Repubblica Portoghese Marcelo Rebelo de Sousa – alla cerimonia ufficiale per il decimo anniversario della fondazione dell’Organizzazione Europea di Diritto Pubblico (EPLO) presso la sua sede di Legraina (Sounion) in Grecia.

“Libertà, democrazia, diritti umani, con le diverse generazioni che li hanno perfezionati, stato di diritto, tutela dello stato sociale, rappresentano – ha proseguito Mattarella – valori e traguardi “caratteristici” dell’Europa. Essi contraddistinguono i nostri Paesi, ne ispirano le traiettorie di crescita e sono anche al centro del progetto di integrazione continentale”.

L’EPLO, fondata nel 2007, è una Organizzazione internazionale nata con l’intento di diffondere la conoscenza nel campo del diritto pubblico in senso ampio. Mattarella, prima di recarsi alla sede dell’EPLO, ha reso omaggio al Monumento dedicato alle vittime del naufragio del piroscafo Oria, avvenuto la notte del 12 febbraio 1944, a seguito di una tempesta, dove persero la vita oltre 4.200 persone, di cui circa 4.000 soldati italiani fatti prigionieri dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform