direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

L’Istituto IAL-CISL Germania, promotore di iniziative per i 70 anni della Grundgesetz

ITALIANI ALL’ESTERO

STOCCARDA – La presenza italiana in terra tedesca ha radici secolari.

Quella più recente risale al Secondo Dopoguerra e più precisamente al periodo successivo all’Accordo italo-tedesco sul reclutamento della manodopera che riporta la data del 18 dicembre 1955.

Da questo nastro parte la storia dei Gastarbeiter, delle Missioni Cattoliche, dei servizi sociali Caritas delle diocesi tedesche, dell’insediamento dei Patronati delle Confederazioni sindacali italiane INAS-CISL, Inca-Cgil, Ital-UIL e delle ACLI. Si fortifica la rete dei servizi consolari, nascono associazioni nazionali (ACLI, Filef, Unaie, Fernando Santi), centri italiani, squadre di calcio ecc.

Con la scolarizzazione nascono nuovi gruppi di interesse: associazioni genitori, insegnanti, gli Uffici Scuole presso i consolati e l’ispettorato scolastico presso  l’Ambasciata.

I problemi d’inserimento sono notevoli e la Germania, che contava di reclutare “braccia e non persone”, si è trovata impreparata.

Dopo la crisi petrolifera e gli “anni di piombo” del decennio 1970 – 80, i Länder istituiscono l’Ausländerpädagogik per governare con maggiore determinazione i problemi dell’inserimento scolastico  e tentare di arrestare l’afflusso, a gettito continuo nelle Sonderschulen (scuole differenziali) di alunni stranieri, non solo più italiani ma anche turchi e portoghesi,.

Quelle condizioni, durate oltre 30 anni, sono fortunatamente superate grazie al ricambio generazionale.

Gli alunni di quel tempo sono i genitori di oggi e i genitori di allora sono i nonni di oggi.

“Col tempo – recita un vecchio proverbio – maturano anche le nespole” ed è quanto si sta registrando anche nella nostra collettività italiana in Germania che attualmente sfiora un milione di presenze fra italiani, doppi cittadini e connazionali di recente emigrazione.

Oggi c’è la consapevolezza che per gran parte della nostra collettività la Germania è diventata la seconda patria. Ed è in quest’ottica che l’Istituto IAL-CISL Germania ha promosso nel periodo settembre – dicembre ben nove manifestazioni sui 70 anni della Legge Fondamentale tedesca (Grundgesetz).  E lo ha fatto sia in 6 corsi di lingua e cultura italiana in altrettante località del Baden-Württemberg (il cui capoluogo di Land è Stoccarda) e sia presso tre associazioni “Volta la carta” di Heidelberg, il Centro Culturale italiano di Sindelfingen e il Centro Italiano di Calw (Foresta o Selva Nera).

Ad illustrare la Carta Fondamentale tedesca ai giovanissimi alunni italiani di scuola primaria e secondaria, nonché ai connazionali adulti è stato Alessandro Bellardita, giovane 38 enne originario della siciliana Modica, diventato magistrato tedesco e docente di Diritto Costituzionale alla Hochschule (Istituto Superiore) di Schwetzingen, nei pressi di Heidelberg.

Con molta semplicità egli è riuscito ad entusiasmare i ragazzi e far capire loro i valori fondanti della Grundgesetz, entrata in vigore il 23 maggio 1949, e le similitudini con la Costituzione italiana del 1° gennaio 1948.

Ciò che ha colpito molto i giovanissimi uditori è la centralità dell’individuo, la cui dignità è intangibile “Die Würde des Menschen ist unantastbar” e al cui rispetto e protezione è vincolato l’esercizio di ogni potere sociale.

La comprensione è stata facilitata anche da una pubblicazione bilingue delle due Costituzioni, promossa dall’InterComites Germania, organismo di coordinamento degli 11 Comites Germania.

Il successo ha preso di contropiede molti Schulrektoren (dirigenti scolastici) che, presi dalla quotidianità, non hanno debitamente pensato alla celebrazione di questo importante compleanno.

Qualche volta gli italiani riescono a vincere anche in casa tedesca. La semifinale dei Mondiali di calcio del 2006 a Dortmund fra la Nazionale di Lippi e quella del binomio Klinsmann/Löw ne è la riprova. 1-0 per giovanissimi e adulti italiani in Germania.

Buon Compleanno Grundgesetz!! (Tony Mázzaro* – Inform)

*Consigliere CGIE

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform