direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La vice ministra Del Re al primo incontro a livello ministeriale del Gruppo degli Amici delle Vittime del Terrorismo

ESTERI

A margine della 74^ Assemblea Generale dell’ONU

 

NEW YORK – La vice ministra agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re, ha partecipato oggi a New York, a margine della 74^ Assemblea Generale dell’ONU, al primo incontro a livello ministeriale del Gruppo degli Amici delle Vittime del Terrorismo. Il Gruppo, di cui l’Italia è membro fondatore, è stato istituito per mantenere alta l’attenzione della comunità internazionale sulle vittime di atti terroristici, sostenerle e dare loro voce, in linea con la Strategia Globale Anti-Terrorismo delle Nazioni Unite.

Nell’intervento pronunciato a nome dell’Italia, la vice ministra ha equiparato il terrorismo “in tempi di pace” ai crimini di guerra nei conflitti armati, raccomandando una speciale attenzione alle vittime e alle loro famiglie: “non dobbiamo mai scordarle, né trascurarle”, ha detto Del Re. Ha quindi espresso la soddisfazione del nostro paese per la risoluzione, co-sponsorizzata dall’Italia e approvata all’unanimità dall’assemblea generale ONU lo scorso 28 giugno, sulla cooperazione internazionale nell’assistenza alle vittime del terrorismo, che “riconosce i diritti violati delle vittime e chiede che vengano affrontate le loro necessità specifiche”. Dobbiamo avere coraggio e una visione che ci porti ad immaginare uno strumento globale per rendere possibile la prestazione di assistenza specializzata alle vittime”. ha indicato la vice ministra.

“I nostri sforzi devono essere tesi a far sì che le vittime diventino d’ora in poi centrali in tutte le strategie anti-terrorismo permettendo loro di diventare attori di cambiamento” – ha concluso Del Re – “La loro voce potente può aiutarci a costruire una società e una legislazione che ci aiutino a prevenire il reiterarsi di atti di violenza”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform