direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Dante Global”, presentata a Roma la piattaforma digitale per lingua e cultura italiana della Società Dante Alighieri

CULTURA

 

ROMA – E’ stata presentata a Palazzo Firenze la piattaforma Dante Global della Società Dante Alighieri, alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e del Sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova. Il Maeci è tra i partner istituzionali del progetto di digitalizzazione del patrimonio linguistico e culturale italiano, non solo dantesco, all’insegna del motto “con Dante l’italiano è digitale”. L’evento di presentazione è stato aperto dai saluti del Presidente della Dante Alighieri, Andrea Riccardi, che ha ricordato quanto sia grande la domanda di italiano nel mondo pur a fronte di investimenti minori da parte dell’Italia sulla promozione estera della propria lingua rispetto alle risorse finanziarie messe in campo da altri Paesi: un passaggio, questo, rievocato da Riccardi riprendendo le parole usate dallo stesso Mattarella in occasione di un congresso della Dante Alighieri di alcuni anni fa. “Non è solo una questione di fondi: servono idee, entusiasmo e proposte”, ha commentato Riccardi che ribadendo un suo ‘cavallo di battaglia’ ha evidenziato la necessità del passaggio da una postura di “italnostalgia” ad una nuova postura di “italsimpatia”, quindi da un atteggiamento conservativo ad uno propositivo. Riccardi ha infatti spiegato che l’attrazione verso l’italiano non deve derivare necessariamente dagli italo-discendenti ma anche dai non italiani. “Il mondo italiano è più ampio di quanto pensiamo: accettiamo le sfide della globalizzazione, che esaltano il ruolo del nostro Paese. La nostra è una lingua che vale molto, non perché imperiale o egemonica, ma in quanto espressione di umanesimo, di finezza nel vivere e di profondità culturale”, ha spiegato Riccardi parlando dell’apertura di scuole in questi ultimi anni e della rinnovata attenzione soprattutto verso l’America Latina. “Oggi si continua ad essere italiani altrove e la Dante Alighieri vuole essere compagna di questo altrove insegnando l’italiano con qualità. La pandemia ha messo in crisi l’insegnamento ma abbiamo visto in questa crisi anche un’opportunità”, ha spiegato Riccardi riferendosi alla nuova piattaforma sostenuta dal Maeci, quale monumento a Dante nel 700° anniversario della sua scomparsa, che consente anche di avere strumenti a distanza per l’insegnamento dell’italiano. “Siamo convinti che la diffusione della lingua italiana rafforzerà l’attrazione verso l’Italia”, ha concluso Riccardi ricordando che la lingua non è una forma d’arte ma l’arte per eccellenza. Il Sottosegretario Della Vedova ha sottolineato come quest’anno sia fondamentale per la storia linguistica e per l’identità culturale del nostro Paese. Il sottosegretario ha altresì evidenziato la collaborazione continua tra Maeci, Società Dante Alighieri e Istituti Italiani di Cultura per portare l’italiano fuori dai confini nazionali. “Vogliamo dare continuità al dialogo proficuo, soprattutto in questo momento che stiamo vivendo e in una fase così difficile per le industrie culturali e creative”, ha aggiunto Della Vedova che ha parlato anche di una mappatura degli studenti di italiano nel mondo: le ultime rilevazioni parlavano di circa 2 milioni di unità. A Dante Alighieri sarà dedicata, quest’anno, anche la tradizionale Settimana della Lingua Italiana nel Mondo (18-24 ottobre 2021). “La diffusione della lingua italiana è a tutti gli effetti uno strumento di politica estera ed ecco perché cultura e lingua sono al centro della nostra strategia di promozione all’estero dell’Italia da parte della nostra diplomazia culturale. Dante Global coniuga promozione linguistica e digitale”, ha spiegato Della Vedova ricordando anche le piattaforme del Maeci ‘Italiana’, con contenuti culturali originali, ‘Italiano’, specificamente destinata agli Istituti di Cultura per la strutturazione dei loro corsi di italiano a distanza,  e ‘New Italian Books’, una vetrina della variegata produzione editoriale italiana destinata ad un pubblico internazionale. Il Sottosegretario ha ricordato gli incentivi alla diffusione della lingua italiana nel mondo, con un investimento raddoppiato negli ultimi cinque anni. “Nel 2020 sono stati 25 i Paesi beneficiari dei nostri interventi con particolare attenzione ai Balcani e al Mediterraneo allargato. Per quanto riguarda la mobilità studentesca, nell’ultimo anno sono state assegnate 235 borse di studio soprattutto per ragazzi provenienti da aree in difficoltà”, ha concluso Della Vedova. Il Prof. Giulio Ferroni ha descritto Dante come “un poeta assoluto che ha definito l’Italia in termini linguistici, geografici, culturali e antropologici: la piattaforma Dante Global darà nuova forma e nuove possibilità alla diffusione dell’italiano”. Ha poi preso la parola Il Presidente Mattarella che nel suo intervento ha ringraziato la Dante Alighieri per il lavoro che svolge da oltre 130 anni. “Pur in presenza della pandemia è possibile non fermarsi ma continuare nella propria attività svolgendo la propria missione con strumenti innovativi e la piattaforma Dante Global consente di affiancare alla rete tradizionale quella digitale, senza per questo sostituirla. Il digitale consente di mostrare la bellezza dei territori e la cultura: sostanzialmente un’offerta a quanti sono aspiranti italiani e apprezzano il nostro modello di vita nel mondo con una platea molto ampia. Un altro elemento veicolabile attraverso la piattaforma è il tasso di trasferimento di italianità: un giacimento di rapporti e di ampliamento dell’immagine del nostro Paese che attraverso la Dante Alighieri si può realizzare”, ha spiegato Mattarella “Vi è quindi una quantità di elementi che questa piattaforma della Dante consente di sottolineare – ha aggiunto il Capo dello Stato – e che ancora una volta inducono a esprimere un ringraziamento alla ‘Dante Alighieri’. Grazie alla ‘Dante’ e ai suoi comitati per quanto fanno, per quanto hanno fatto in questi lunghi decenni, a quanto continuano a fare e a quanto faranno. È uno strumento prezioso per il nostro Paese”. Mattarella ha infine ricordato la differenza rispetto ad altre aree lingue come il francese, lo spagnolo, il portoghese o l’inglese che per la promozione all’estero ricevono dai propri Paesi molto più di quanto non riceva la Dante  (per l’intervento integrale vedi il link di Inform  L’intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia di inaugurazione della piattaforma “Dante.global” | www.comunicazioneinform.it). (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform