direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Dall’Abruzzo, best practice in Slovenia con il progetto “Joint SECAP”

CAMBIAMENTI CLIMATICI

Nella prossima riunione dell’ARE, l’assemblea delle Regioni d’Europa

PESCARA – Prima riunione operativa, in Regione, a Pescara, nella sede dell’assessorato all’Energia, sui piani locali per i cambiamenti climatici nell’ambito del progetto Joint SECAP (Joint strategies for climate change adaptation in coastal areas) con sindaci ed amministratori dei Comuni coinvolti. A presiederla l’assessore con delega all’Energia Nicola Campitelli, supportato dalla dirigente del Servizio Energia, Iris Flacco.

Il progetto in questione, che verrà presentato a fine mese come best practice dallo stesso assessore Campitelli, in Slovenia, nella prossima riunione dell’ARE, l’assemblea delle Regioni d’Europa, punta a fare in modo che i governi locali che hanno già sviluppato strategie e piani locali per l’energia sostenibile (PAES) realizzino le necessarie sinergie territoriali in grado di rendere efficaci le politiche e le azioni di mitigazione e adattamento.

Finanziato con oltre 2 milioni di euro (di cui circa 300 mila dovrebbero arrivare in Abruzzo) a valere sul programma Interreg Italia-Croazia, il progetto Joint SECAP è coordinato dall’Università di Camerino e vede come partner Sdewes Centre, IRENA – Istrian regional Energy agency, il comune di San Benedetto del Tronto, la Regione Abruzzo, il Comune di Pescara, Primorje-Gorski Kotar County, County of Split-Dalmazia e Municipality of Vela Luka.

“L’idea chiave – ha commentato Campitelli – è legata alla necessità di operare a livello di distretto o aree omogenee per definire meglio queste strategie e per affrontare, in particolare, il rischio idrogeologico delle aree costiere dell’Adriatico e delle aree immediatamente limitrofe”. A tal proposito, sono state individuate due aree pilota sulla base delle caratteristiche climatiche omogenee: l’area costiera del teramano comprendente i Comuni di Silvi, Pineto, Roseto degli Abruzzi,  Giulianova e Mosciano Sant’Angelo e l’area interna attraversata dal fiume Fino comprendente  i Comuni di Castiglione Messer Raimondo, Castilenti, Elice e Penne.

Nell’ambito del progetto, la cui scadenza è fissata al 30 giugno del 2021,  ciascun partner ha dovuto individuare una o due aree pilota per la realizzazione del Piano d’Azione per l’Energia sostenibile ed il clima (PAESC) congiunto già nella fase di adesione alla proposta progettuale. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform