direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Chiara Guadagno, specializzanda in pediatria, è in partenza per la Tanzania insieme a Medici con l’Africa Cuamm

ONG

Chiara ha 30 anni e le brillano gli occhi quando parla della prossima partenza per Tosamaganga in Tanzania. “Ho sempre avuto il desiderio di andare in Africa. Il mio ragazzo è stato con il Cuamm in Etiopia e ora tocca a me”

PADOVA – Chiara Guadagno, a 30 anni, sta per realizzare uno dei suoi sogni: andare in Africa e imparare a fare la pediatra in un contesto in via di sviluppo. Parte domani 8 aprile da Roma, con destinazione Tosamaganga, in Tanzania, dove rimarrà per 6 mesi, a lavorare in ospedale, accanto a un medico con esperienza.

«Ho sempre avuto il desiderio di andare in Africa. Avevo solo qualche dubbio sul momento giusto per andarci, se prima o dopo la specializzazione. Ora parto convinta di fare la scelta giusta – racconta Chiara Guadagno -. Mi aspetto di trovare una realtà molto diversa da qui, di potermi confrontare con un modo differente di fare medicina, entrando in empatia con i pazienti. Quello che condivido di Medici con l’Africa Cuamm è il concetto di “lungo periodo”, non un impegno mordi e fuggi, ma con l’intento di fare sviluppo. Il mio ragazzo, Mario, pediatra pure lui, è stato in Etiopia con il Cuamm ed è tornato entusiasta. So che mi aspetta una sfida impegnativa, ma bella».

Il tirocinio di Chiara sarà parte integrante del suo percorso professionale, grazie al progetto Junior Project Officer (Jpo) di Medici con l’Africa Cuamm. Un accordo con le università italiane che permette ai giovani medici di sperimentarsi in contesti in via di sviluppo e di sperimentare una medicina frugale, trovando le soluzioni migliori con le poche risorse a disposizione.

Medici con l’Africa Cuamm è presente in Tanzania dal 1968. L’ospedale di Tosamaganga ha 165 posti letto, un reparto di Pediatria e una piccola Neonatologia e offre assistenza a una popolazione di oltre 800.000 persone. In Tanzania, come negli altri sette paesi in cui Medici con l’Africa Cuamm è presente, nell’ultimo anno è stato necessario anche lavorare intensamente per mettere in sicurezza gli ospedali e le comunità contro il Covid-19, che minaccia anche l’Africa e preoccupa per gli effetti secondari che genera.

È possibile sostenere Medici con l’Africa Cuamm con una donazione online su www.mediciconlafrica.org

Un vaccino per “noi”

Vaccinare medici, infermieri e la popolazione africana è un atto di solidarietà e insieme di sicurezza per tutti, anche per noi: solo così riusciremo a interrompere la diffusione del virus e delle sue varianti. Per questo Medici con l’Africa Cuamm ha lanciato la campagna “Un vaccino per noi”.

 L’iniziativa concreta punta a portare il vaccino a 20.000 medici e operatori del settore sanitario dei paesi in cui l’ONG è presente in Africa. Con un contributo simbolico di 10 € sarà possibile “far arrivare” 1 dose di vaccino, supportando la logistica e la distribuzione nelle comunità. La sfida complessiva iniziale per un vaccino completo (due dosi) è di 400.000 euro. Tutti possono partecipare contribuendo online con una donazione.

Nata nel 1950, Medici con l’Africa Cuamm è la prima Ong in campo sanitario riconosciuta in Italia e la più grande organizzazione italiana per la promozione e la tutela della salute delle popolazioni africane. Realizza progetti a lungo termine in un’ottica di sviluppo, intervenendo con questo approccio, anche in situazioni di emergenza, per garantire servizi di qualità accessibili a tutti. Oggi Medici con l’Africa Cuamm è impegnato in 8 paesi dell’Africa sub-Sahariana (Angola, Etiopia, Mozambico, Repubblica Centrafricana, Sierra Leone, Sud Sudan, Tanzania, Uganda) con circa 3.000 operatori sia europei che africani; appoggia 23 ospedali, 64 distretti (per attività di sanità pubblica, assistenza materno-infantile, lotta all’Aids, tubercolosi). (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform