direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Zurigo il convegno del Comitato delle Associazioni Venete Emigranti in Svizzera

ASSOCIAZIONI

L’incontro annuale dedicato alla memoria di Mattmark

ZURIGO – Si è svolto domenica scorsa presso la Casa d’Italia a Zurigo l’annuale convegno del Comitato delle Associazioni Venete Emigranti Svizzeri, evento dedicato in particolare al ricordo della tragedia di Mattmark e associato a quello di tutti i caduti sul lavoro dell’emigrazione italiana in Svizzera.

Un ricordo reso più incisivo anche dalla mostra fotografica realizzata e messa a disposizione dall’Associazione Italia /Valais, già esposta al Senato della Repubblica (vedi http://comunicazioneinform.it/alla-biblioteca-del-senato-la-mostra-fotografica-mattmark-tragedia-nella-montagna-3/).

Dopo una breve introduzione di Saverio Sanvido, ha preso la parola Luciano Alban, presidente del Caves, che, oltre al saluto, ha sottolineato l’importanza della manifestazione, segnalando come il significato di Mattmark non sia da molti conosciuto, ragion per cui tra gli obiettivi del convegno si sia posta proprio la trasmissione della memoria di questi fatti alle giovani generazioni. Richiamata poi la forte evoluzione in positivo, conseguente alla tragedia, delle forze politiche, imprenditoriali e sindacali sulla sicurezza nel lavoro.

Tra gli interventi segnalati anche quello del console generale di Zurigo, che ha seguito tutto il convegno, in ricordo delle vittime sul lavoro. Egli ha evidenziato inoltre come il sindaco di Zurigo riconosca ed elogi il lavoro svolto dalla comunità italiana per il progresso della città e sia riconoscente per l’introduzione di uno stile di vita più gioioso rispetto alle rigidità della Chiesa riformata. Un apporto riconosciuto alla comunità italiana che ha trasformato con la sua presenza il modo di vivere della stessa comunità svizzera: nell’alimentazione, nel modo di vestire e nel modo di essere.

Domenico Mesiano, presidente dell’Associazione Italia/Valais e del Comitato Mattmark 2015, curatore della mostra fotografica e del Dvd che propone una sintesi della tragedia, ha illustrato i vari momenti della commemorazione dedicata ai 50 anni di Mattmark e si è soffermato sull’importanza della sicurezza sul lavoro. Toni Ricciardi, storico del Dipartimento di Sociologia dell’Università di Ginevra, ha quindi presentato il suo libro“Morire a Mattmark” (vedi anche http://comunicazioneinform.it/la-presentazione-del-libro-di-toni-ricciardi-morire-a-mattmark-lultima-tragedia-dellemigrazione-italiana/), frutto di uno studio approfondito degli eventi condotto dal Dipartimento dell’università diretto da Sandro Cattacin, veneto di seconda generazione. Anche Ricciardi si è soffermato su diversi aspetti della tragedia, tra cui i risvolti processuali e la catena di solidarietà a favore delle vittime.

Rosalba Cimino, infine, ha letto una lettera del sindaco di San Giovanni in Fiore, secondo comune più colpito per numero di vittime nella tragedia dopo Belluno. Il Caves segnala nella nota diffusa in proposito come il convegno abbia raggiunto gli obiettivi promossi. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform