direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

XV edizione della Giornata dell’emigrazione, evento alla Camera dei Deputati organizzato da Asmef

ITALIANI ALL’ESTERO

 

ROMA – Si è tenuta alla Camera dei Deputati, presso la Sala dei gruppi parlamentari, la XV edizione della Giornata dell’emigrazione organizzata dall’Asmef presieduta da Salvo Iavarone. In apertura dei lavori il Iavarone ha letto il messaggio di saluto del Ministro per Il Sud e la Coesione Territoriale Mara Carfagna.  “Il rapporto tra il nostro paese e chi lo ha lasciato spesso conquistando altrove posizioni significative – scrive il Ministro – non è solo un legame importante sotto il profilo umano ma anche un fattore di rilievo per l’interesse nazionale. Gli italiani all’estero, i figli e i nipoti che a tutte le latitudini si fanno valere in politica, nell’economia, nella scienza e nella cultura , possono e devono essere punto di forza nelle nostre relazioni con il resto del mondo”.  Ha poi preso la parola il consigliere Giovanni De Vita, coordinatore del tavolo delle radici del Maeci, che ha portato i saluti di Luigi Vignali, Direttore Generale per gli Italiani all’Estero della Farnesina perché impegnato all’estero. “Il Direttore Vignali – ha esordito De Vita – ci teneva a ringraziare Asmef per questa costante attenzione per gli italiani all’estero, considerando che la dimensione dei nostri connazionali è in continua crescita . Al 28 gennaio del 2022 sono più di 6 milioni e mezzo di iscritti all’Aire a cui si aggiungono gli 80 milioni circa di oriundi italiani nel mondo. Parliamo di un patrimonio eccezionale rispetto al quale il Maeci è impegnato in prima linea anche per aiutarli nelle diverse forme di integrazione. E’ importante considerare il potenziale delle nostre comunità, le vediamo come partner per un rapporto strategico per loro e per il nostro Paese”. “Il tema del turismo delle radici viene affrontato sotto due aspetti: il coinvolgimento degli attori istituzionali e le esperienze dei Comuni nella sua promozione. E’ importante far riferimento agli enti locali, come abbiamo scoperto nel 2018 alla nascita del tavolo tecnico vi erano già enti che operavano nel settore”, ha spiegato nel corso del dibattito De Vita ricordando come negli ultimi decenni siamo stati abituati ad usufruire di prodotti o servizi omologati e frutto della globalizzazione. “In società con una forte carattere culturale i cittadini guardano alle proprie origini come un occasione per riaffermare la propria diversità rispetto agli altri. E’ importante quindi capire quali sono le caratteristiche del turista delle radici perché non parliamo tanto di un turista che si reca a visitare luoghi patrimonio Unesco, quanto di un turista che vuole ricostruire il legame ereditato dai propri antenati”, ha evidenziato De Vita ricordando che esistono studi di settore e accademici volti proprio all’identikit di questa tipologia di turista. De Vita ha anche sottolineato l’importanza dell’attività di coordinamento in questo settore.

Il senatore Maurizio Gasparri (FI) in video da remoto ha sottolineato l’importanza del lavoro svolto dall’Asmef con la realtà dell’emigrazione ricordando anche la fruttuosa collaborazione tra l’associazione e il Ministero degli Esteri. “La storia dei popoli è la somma delle storie delle famiglie e dei borghi”, ha rilevato Gasparri evidenziando l’attenzione di Asmef proprio per i borghi che sono oggetto di una proposta specifica portata avanti da Iavarone. Gasparri ha inoltre precisato come l’attenzione per i borghi sia naturalmente connessa anche al tema del turismo delle radici. “Senza radici non saremmo nulla”, ha sottolineato Gasparri. Gianni Lattanzio ha portato i saluti della deputata Fucsia Fitzgerald Nissoli (FI), assente per indisposizione, e ne ha letto il massaggio in cui si sottolinea l’importanza di approfondire il tema del turismo delle radici. “Parlamento e governo hanno messo a disposizione per la ripresa del settore strumenti come il PNRR e la valorizzazione dei borghi per il turismo delle radici, con la partecipazione degli italiani all’estero. Si tratta di costruire sinergie e creare percorsi turistici per offrire una confortevole ospitalità”, ha rilanciato Nissoli soffermandosi sull’aspetto museale, culturale e gastronomico di questa tipologia di turismo. “In questo quadro appare di rilevanza il progetto promosso dal Maeci che sta lavorando per favorire lo sviluppo della filiera del turismo delle radici volto a far conoscere le terre dei padri”, ha aggiunto Nissoli vedendone una forma di turismo importante per il Paese alla luce dei numeri dei connazionali e italo-discendenti sparsi nel mondo. Nissoli ha in modo particolare ricordato il numero rilevante degli italo-americani. La deputata ha anche sottolineato come il turismo delle radici possa  rivitalizzare l’Italia dei piccoli Comuni. “L’iniziativa del turismo delle radici offrirà nuove opportunità anche alla luce della sostenibilità e dell’innovazione”, ha concluso nel suo messaggio Nissoli.

Fra gli altri interventi segnaliamo quello del Direttore di Rai Italia Fabrizio Ferragni che ha parlato degli obiettivi del canale Rai,  come la salvaguardia delle radici linguistiche dei connazionali e la necessità di un’adeguata informazione con contenuti diversi e 4 palinsesti differenziati, uno per ogni continente.

“Un altro obiettivo è spingere il sistema Italia dopo la fase pandemica per attirare investitori e fare in modo che i nostri connazionali siano i primi ambasciatori dell’Italia”, ha spiegato Ferragni che ha anche parlato della realizzazione di produzioni che possano raccontare al meglio il nostro Paese  “Serve un’importante cabina di regia perché per esempio su medesime ambiti  di intervento del PNRR abbiano più realtà istituzionali che operano ed è indispensabile fare sistema”. Della necessità di fare sistema ha parlato anche il consigliere De Vita rilevando come le sfide del PNNR vadano colte coinvolgendo tutti.  Seguono approfondimenti. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform