direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Sinistra Ecologia e Libertà e Sinistra italiana in Svizzera sulla bocciatura dell’iniziativa per l’attuazione dell’espulsione degli stranieri

PARTITI

Soddisfazione per l’esito del referendum svoltosi domenica scorsa nella Confederazione

 

ZURIGO – Sinistra Ecologia e Libertà e Sinistra italiana in Svizzera esprimono soddisfazione per la bocciatura dell’iniziativa per l’attuazione dell’espulsione degli stranieri che commettono reati sancita dal referendum svoltosi domenica scorsa nella Confederazione.

Nella nota diffusa in proposito si ribadisce come sia stata “sconfitta l’ennesima campagna della destra nazionalista, volta a criminalizzare migliaia di cittadini stranieri, molti dei quali, pur senza il passaporto svizzero, sono nati e cresciuti in questo paese”, definendo l’iniziativa “una grave minaccia ad alcuni fondamenti dello stato di diritto e all’autonomia del sistema giudiziario elvetico”.

“Il no espresso dall’elettorato è un segnale molto importante per quanti continuano a credere nella prospettiva di una Svizzera liberale aperta e solidale – evidenzia ancora la nota, parlando anche di “un’indicazione positiva importante per tutti i paesi europei” alle prese con i timori per la sicurezza e per l’ordine spesso utilizzati in maniera strumentale.

“Grazie ad un impegno finalmente capillare, che ha potuto avvalersi di risorse adeguate e della partecipazione di personalità e gruppi progressisti e liberali della società elvetica, è stato possibile mobilitare quella parte di società che rivendica politiche aperte, garantiste ed attente a non criminalizzare la massiccia presenza dei cittadini immigrati. L’impegno di tutti, comprese le rappresentanze della comunità italiana, a partire da questo risultato, deve essere volto a dare continuità e maggiore forza al movimento per una Svizzera liberale e progressista, anche per riaprire la questione della libera circolazione e – conclude la nota – per affermare una politica dei diritti e di integrazione”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform