direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Sì dell’Aula al provvedimento di ratifica ed esecuzione degli Accordi bilaterali con Emirati Arabi, Malta, Senegal, Repubblica Slovacca e Slovenia

CAMERA DEI DEPUTATI

L’ambito è quello della cooperazione in materia culturale, scientifica, tecnologica e dell’istruzione. Tra la dichiarazioni di voto favorevoli quella di Fucsia Fitzgerald Nissoli (Des-Cd, ripartizione America settentrionale e centrale)

 

ROMA – La Camera dei Deputati ha approvato il provvedimento di ratifica ed esecuzione di alcuni accordi bilaterali di cooperazione in materia culturale, scientifica, tecnologica e dell’istruzione conclusi in un arco temporale compreso tra marzo 2000 e luglio 2015. Si tratta in particolare dell’Accordo tra Italia ed Emirati Arabi Uniti, fatto a Dubai il 20 novembre 2012; con Malta, fatto a Roma il 19 dicembre 2007; con il Montenegro, fatto a Podgorica il 26 settembre 2013; con il Senegal, fatto a Roma il 17 febbraio 2015; con la Repubblica Slovacca, fatto a Bratislava il 3 luglio 2015; con la Slovenia, fatto a Roma l’8 marzo 2000.

Il provvedimento era stato illustrato in Aula dal relatore Marco Fedi (ripartizione Africa, Asia, Oceania e Antartide) (vedi anche http://comunicazioneinform.it/al-via-in-aula-la-discussione-sul-provvedimento-di-ratifica-ed-esecuzione-degli-accordi-bilaterali-con-emirati-arabi-malta-senegal-repubblica-slovacca-e-slovenia/).

Tra le dichiarazioni di voto favorevole anche quella di Fucsia Fitzgerald Nissoli (Des-Cd, ripartizione America settentrionale e centrale) che ha segnalato come gli accordi di cooperazione riferiti all’ambito culturale, scientifico e dell’istruzione siano in crescita e necessitino di “continuo aggiornamento” nel caso risultino obsoleti o debbano “essere rinegoziati per mutamenti politici che hanno visto la nascita di nuovi Stati o per l’apertura di nuove frontiere culturali o di nuove esigenze del progresso scientifico e tecnologico”. “In questa prospettiva va sostenuta con favore, e rinnovato entusiasmo, la ratifica dei sei Accordi di cooperazione all’esame oggi del Parlamento. La comune appartenenza di alcuni Paesi all’Unione europea – aggiunge – costituisce un framework privilegiato per intensificare forme di partecipazione a progetti congiunti al fine di raggiungere anche gli obiettivi della politica europea per la ricerca mediante lo scambio di ricercatori e le collaborazioni tra università dei Paesi membri, come nel caso di Malta, Slovacchia e Slovenia. In altri casi, la cooperazione in esame può sostenere il processo anche culturale, oltre che scientifico e nel campo dell’istruzione, di Paesi che intraprendono un percorso di avvicinamento all’Unione europea, come nel caso del Montenegro”.

Per Nissoli “è motivo di orgoglio prendere atto che l’Italia è un punto di riferimento privilegiato per molti Paesi anche non europei, come il Senegal, dove l’insegnamento della lingua italiana è inserito nei programmi scolastici”. “Molto può essere fatto – aggiunge – anche per la valorizzazione del patrimonio turistico e paesaggistico dell’Italia e dei partner impegnati nella cooperazione bilaterale e multilaterale, anche nel contesto delle organizzazioni internazionali con competenza in materia”.

Annunciando il voto favorevole del gruppo, la parlamentare ribadisce infine la “richiesta diffusa di più Italia all’estero” che sollecita “ad intensificare le forme di cooperazione in tutti gli ambiti descritti negli Accordi, anche mettendo in campo le varie e molteplici professionalità e forme di aggregazione di cui dispone l’Italia”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform