direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Serata con Omero Antonutti all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles

INCONTRI

In collaborazione con l’Associazione Giuliani nel Mondo e il Fogolâr Furlan di Bruxelles, e con l’appoggio della Regione Friuli Venezia Giulia

 

BRUXELLES – Serata dedicata ad Omero Antonutti oggi all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles. L’evento  è organizzato in collaborazione con l’Associazione Giuliani nel Mondo di Trieste e di Bruxelles e il Fogolâr Furlan di Bruxelles, con l’appoggio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Friulano-triestino, Omero Antonutti, attore feticcio dei fratelli Taviani, sarà presente alla serata che prenderà l’avvio dalla presentazione del libro del giornalista Guido Botteri dedicato all’amico attore, una ricostruzione del suo percorso artistico pubblicata da Comunicarte e Alpe Adria Cinema.

Condurrà Lorenzo Codelli, collaboratore di numerose pubblicazioni di fama internazionale, selezionatore del Festival di Cannes per l’Italia, vicedirettore della Cineteca del Friuli-Gemona. In presenza dell’editore Massimiliano Schiozzi. Seguirà un vin d’honneur.

Attore di cinema, teatro e doppiatore d’esperienza, Omero Antonutti è una delle figure più eclettiche del panorama artistico italiano. Esordì nel cinema nel 1966 con una piccola parte in Le piacevoli notti con Vittorio Gassman, Gina Lollobrigida e Ugo Tognazzi. Nel 1974 fece parte del cast di “Processo per direttissima” e “Fatevi vivi, la polizia non interverrà”, ma il suo primo ruolo di spessore fu nel 1977, quando venne scritturato per il ruolo del padre di Gavino Ledda in “Padre padrone” di Paolo e Vittorio Taviani. L’attività di Antonutti è proseguita alternando cinema e teatro con continuità: tra i film più intensi interpretati nel cinema si ricordano “Farinelli – Voce regina” di Gérard Corbiau, “Un eroe borghese” di Michele Placido, “I banchieri di Dio – Il caso Calvi” di Giuseppe Ferrara e “Tu ridi ancora” dei fratelli Taviani.  (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform