direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Questa mattina l’informativa del ministro della salute, Roberto Speranza, sul coronavirus

SENATO DELLA REPUBBLICA

Speranza ha spiegato le ragioni delle misure restrittive adottate. “Nelle prossime settimane sarà fondamentale il comportamento individuale”

ROMA – Il ministro della salute, Roberto  Speranza è intervenuto questa mattina al Senato per un’informativa sul coronavirus. Egli ha in primo luogo ringraziato medici, infermieri, operatori sanitari, protezione civile, forze dell’ordine, volontari, amministratori locali, cittadini coinvolti da misure restrittive, e rivolto un appello all’unità e alla responsabilità. Ha poi sottolineato che le scelte del Governo, volte a contenere la diffusione del contagio, sono basate sulle valutazioni tecnico scientifiche della comunità scientifica ed ha citato in particolare l’Istituto superiore di sanità, che definisce il rischio sequenziando il virus e ricostruendo la catena del contagio. “Non bisogna avere paura: nell’80% dei casi i sintomi sono lievi, la guarigione è rapida e spontanea, nel 15% dei casi si guarisce dopo regolari cure sanitarie; il tasso di letalità del 2% è largamente legato a preesistenti condizioni morbose di soggetti anziani – ha ricordato Speranza.

Il Ministro ha segnalato inoltre che le misure restrittive adottate dal Governo, approvate ieri all’unanimità dalla Camera, dipendono “dall’alto tasso di contagio, e quindi dalla necessità di tutelare i soggetti più deboli ed evitare di sovraccaricare i presidi sanitari, non essendo disponibili allo stato farmaci e vaccini”. L’elevato numero di casi rilevati in Italia è correlato ai tamponi eseguiti e ai controlli effettuati – ha sottolineato Speranza, segnalando anche come la Commissione europea abbia riconosciuto al nostro paese di aver adottato misure risolute e tempestive. Il decreto approvato ieri – ricorda ancora il Ministro – conferisce alle autorità poteri per fronteggiare l’emergenza: possibilità di isolare i comuni, di sospendere eventi pubblici e privati, attività scolastica e universitaria, uffici pubblici e concorsi, trasporto di merci e persone, attività lavorative e commerciali. “Nelle prossime settimane sarà fondamentale il comportamento individuale: i cittadini sono invitati a seguire le regole di igiene raccomandate dall’Istituto superiore di sanità – ha concluso il Ministro. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform