direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Questa mattina in una gremita piazza San Pietro i funerali del papa emerito Benedetto XVI

CHIESA CATTOLICA

(Fonte immagine presidenza della Repubblica)

ROMA – Si sono tenuti questa mattina in una gremita piazza San Pietro i funerali del papa emerito Benedetto XVI .Le esequie sono state presiedute da papa Francesco.

“Siamo qui con il profumo della gratitudine e l’unguento della speranza per dimostrargli, ancora una volta, l’amore che non si perde; vogliamo farlo con la stessa unzione, sapienza, delicatezza e dedizione che egli ha saputo elargire nel corso degli anni. E’ il popolo fedele di Dio che, riunito, accompagna e affida la vita di chi è stato suo pastore”, ha detto papa Francesco nell’omelia.

“Pascere vuol dire amare, e amare vuol dire anche essere pronti a soffrire. Amare significa: dare alle pecore il vero bene, il nutrimento della verità di Dio, della parola di Dio, il nutrimento della sua presenza”, ha sottolineato papa Francesco . “Nell’incontro di intercessione il Signore va generando la mitezza capace di capire, accogliere, sperare e scommettere al di là delle incomprensioni che ciò può suscitare. Fecondità invisibile e inafferrabile che nasce dal sapere in quali mani si è posta la fiducia. Fiducia orante e adoratrice, capace di interpretare le azioni del pastore e adattare il suo cuore e le sue decisioni ai tempi di Dio”.

Alla cerimonia funebre presente il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che il 31 dicembre aveva inviato a papa Francesco un messaggio nel quale aveva sottolineato che la scomparsa di Benedetto XVI “segna per l’Italia la perdita di un pastore che nel corso di una lunga vita le ha testimoniato ripetutamente un profondo affetto, unito al sincero attaccamento per quell’immenso patrimonio di cultura intimamente legato alle radici e alle tradizioni cristiane del nostro Paese”.

Il capo dello Stato aveva ricordato la figura di Benedetto: “Teologo insigne, brillante accademico e uomo di finissima cultura, Joseph Ratzinger ha profondamente segnato per oltre mezzo secolo la vita della Chiesa, dedicandosi con passione, coerenza e dedizione alla riflessione su aspetti fondamentali del Cristianesimo e al suo rapporto con la modernità. Nella coinvolgente esperienza del Concilio Vaticano secondo, nell’insegnamento presso le più prestigiose università della natia Germania e nell’attività pastorale ha delineato un percorso intellettuale e di fede che, fin dagli anni della lunga e intensa collaborazione con san Giovanni Paolo II, ha posto senza riserve al servizio della Chiesa universale, proseguendo poi con serenità nella inedita veste di papa emerito. Il suo Pontificato ha rappresentato per milioni di uomini e donne – credenti e non credenti – una luminosissima e feconda testimonianza dei principi evangelici. Con la mite fermezza propria del suo carattere, Benedetto XVI ha saputo imprimere uno slancio particolare al dialogo tra fede e ragione, tra aggiornamento e tradizione, ponendo sempre al centro della sua predicazione – e di tutto il suo magistero – i valori dell’Umanesimo cristiano”. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform