direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Punto Italia: al Piccolo Festival delle Spartenze l’intervento del segretario generale del Cgie Michele Schiavone

ITALIANI ALL’ESTERO

CROPALATI (Cosenza) – All’evento Punto Italia del Piccolo Festival delle Spartenze 2020, in diretta web da Santa Maria ad Gruttam moderata dal ricercatore Giuseppe Sommario, è intervenuto il segretario generale del Cgie Michele Schiavone che si è complimentato per l’evoluzione della kermesse in questi anni. “Per me è la prima occasione per dialogare con gli organizzatori di questo Festival – ha commentato Schiavone – ma anche per apportare delle riflessioni in questo contesto e inquadrare il tema del vivere in altri Paesi distanti da quello nativo, magari lontano da quei piccoli borghi che si sono nel tempo svuotati. Il senso stesso del turismo delle radici è nell’idea lungimirante di tenere insieme comunità lontane tra loro”, ha evidenziato il segretario auspicando la rinascita del nostro Paese nel post Covid con il contributo dei progetti governativi soprattutto nel meridione, ricordando tra l’altro proprio la presentazione del Piano per il Sud nel febbraio scorso. “Rilancio dei piccoli borghi e delle zone di provincia: questo occorre per ricreare nuove condizioni di vita e di progresso. Su questo il Cgie sta lavorando da tempo”, ha precisato Schiavone ponendo l’attenzione sul concetto della cittadinanza europea e del sentirsi parte di una comunità allargata. “Bisogna fare in modo che il nostro Paese garantisca ai giovani le condizioni per non dover essere più obbligati a partire, potendo avere invece la libertà di realizzare i propri sogni nei territori d’origine. Sul turismo di ritorno ricordo che proprio l’Ente Nazionale del Turismo ha dedicato l’anno prossimo a questa tipologia di turismo: l’anno scorso sono stati 8 milioni gli italiani e gli italo-discendenti rientrati per questa ragione ossia per visitare i borghi d’origine. Occorrono però progettazione e sostegno da parte del Paese”, ha aggiunto Schiavone chiudendo la riflessione sul Seminario dei Giovani di Palermo del 2019, che ha attinto molto dall’idea del Festival di creare una rete allargata tra i connazionali all’estero. (Simone Sperduto/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform