direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Premio Suga Atsuko: un riconoscimento per le opere tradotte dall’italiano al giapponese

CULTURA

Cerimonia all’Istituto Italiano di Culturail 13 novembre

 

 

TOKYO – Giovedì 13 novembre a Tokyo la cerimonia di consegna del Premio Suga Atsuko per la traduzione. L’appuntamento è alle 18.30 presso l’auditorium Umberto Agnelli dell’Istituto italiano di Cultura, che ha organizzato l’evento. Viene istituito a partire da quest’anno, infatti, un riconoscimento per le opere tradotte dall’italiano al giapponese dedicato alla figura della scrittrice giapponese Suga Atsuko (Hyōgo 1929-Tōkyō 1998), celebre traduttrice e italianista. Il premio – al suo debutto – intende essere una continuazione del Premio Pico della Mirandola che non è stato più consegnato a partire dal 2007. Le opere in concorso, edite dal gennaio 2012 al giugno 2014, sono state esaminate – come si legge sul sito dell’IIc – da una commissione di esperti presieduta da Wada Tadahiko (professore di Italian Studies presso la Graduate School of Global Studies della Tokyo University of Foreign Studies) e composta da: Okada Atsushi, Kimura Eiichi, Shibata Motoyuki, Yomota Inuhiko. Alla cerimonia di premiazione parteciperà anche Domenico Giorgi, ambasciatore d’Italia in Giappone.

Suga Atsuko dopo la laurea studiò alla Sorbona di Parigi. Fece poi tappa nel nostro Paese dove si occupò di letteratura italiana e curò traduzioni in lingua italiana di alcune opere dei principali scrittori giapponesi (come Tanizaki Junichirō, Inoue Yasushi, Kawabata Yasunari). L’antologia “Narratori giapponesi moderni” (1964) costituì uno dei primi e più riusciti tentativi di presentare al pubblico italiano un vasto panorama della produzione narrativa giapponese del Novecento. Dopo il rientro in Giappone, nel 1971, affiancò all’insegnamento di letteratura italiana e poi di letteratura comparata l’attività di traduttrice di romanzi italiani, svolgendo così – anche nel proprio Paese – lo stesso ruolo di sensibile mediatrice fra due culture che aveva ricoperto in Italia.(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform