direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Planet Earth: 21st Century: Postcards of a virtual journey” di Daniela Comani all’Istituto Italiano di Cultura di Giacarta

MOSTRE

 

JAKARTA (Indonesia) – “Planet Earth: 21st Century: Postcards of a virtual journey”, mostra artistica di Daniela Comani all’Istituto Italiano di Cultura di Jakarta . La mostra, che resterà aperta al pubblico fino al 13 novembre , è stata organizzata in occasione della Giornata del Contemporaneo – promossa dalla Amaci–Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani – dall’Ambasciata d’Italia e dall’Istituto Italiano di Cultura a Jakarta in collaborazione con l’Ambasciata di Svizzera Daniela Comani (Bologna 1965)  vive e lavora a Berlino. Le sue installazioni multimediali innescano un dialogo sulla storia, l’identità, il genere e l’alienazione.

Il suo lavoro si concentra sulla manipolazione di immagini e linguaggio dei media attraverso la fotografia, le opere basate sul testo e l’installazione. Lavorando spesso con materiali come giornali, libri, televisione ed Internet, sfida l’estraneità e l’intimità, la storia e l’interpretazione. Le sue opere sono frequentemente pubblicate come artist books e funzionano come opere d’arte che lei concepisce e disegna, collaborando, tra gli altri, con l’editore Patrick Frey, Zurigo; Archive Books, Berlino.

L’opera di Daniela Comani è stata esposta a livello internazionale ed è inclusa nelle collezioni del Museum on the Seam, Jerusalem, Museo d’Arte Moderna di Bologna, Kupferstichkabinett of the Berlin State Museums, Musée Les Abattoirs, Toulouse, Collezione d’Arte Contemporanea alla Farnesina a Roma, e Academy of Motion Picture Arts and Sciences Los Angeles.

Punto di partenza del lavoro di Daniela Comani “Pianeta Terra: 21 secolo” è il materiale visivo ottenuto tramite Apple Maps. Apple ha comprato il software 3D “Flyover” dalla Saab-Military nel 2011 allo scopo di competere con Google Maps, e destinato all’uso sui telefoni cellulari. L’applicazione è un mix di immagini satellitari e illustrazioni 3D. L’utente può sorvolare sulle citta o persino sui paesi, sebbene le mappe siano ancora in fase di sviluppo. Ciò distingue Apple Maps da Google Earth (immagini satellitari) e da Google street view (foto panoramiche a 360 gradi).

Scoprire le città del mondo diviene ora accessibile a chiunque. È come stare davanti ad una cartolina, gli utenti (i viaggiatori) possono scegliere la propria vista virtuale di una citta come fosse un souvenir del viaggio. Fare il giro del mondo in un giorno.

Daniela Comani ha volato sopra le città e scattato le proprie fotografie, poi virandole in bianco e nero. Il bottino del suo viaggio virtuale sono numerose cartoline con strade, edifici, monumenti dalle città di tutto il mondo senza persone. L’espressivita di queste foto e anche l’effetto iconografico di alcuni edifici o paesaggi urbani rende questi luoghi realistici. Sono luoghi stranieri ma familiari.

Attraverso la tecnologia di Apple 3D, le città diventano una realtà virtuale, successivamente, con il materiale visivo raccolto da Comani, vengono stampate le cartoline, facendo riferimento al campo analogico.

La cartolina come mezzo di massa è una conseguenza della fotografia aerea. All’inizio del XX secolo, le cartoline illustrate con fotografie aeree delle città erano molto popolari, con l’età d’oro della cartolina fotografica risalente a circa 100 anni fa.

Nell’opera “Sono stata io. Diario dal 1900-1999” Daniela Comani ha scritto una storia personalizzata degli eventi del XX secolo

All’IIC di Jakarta Daniela Comani mostra un’installazione a parete con una sequenza di vedute della città e una selezione delle cartoline stampate che i visitatori possono portare con sé.Ingresso libero.sede dell’IIC di  Jakarta: JL. Hos Cokroaminoto, 117 Menteng, Jakarta Pusat (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform