direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Montebelluna guarda ai concittadini all’estero

ASSOCIAZIONI

In vista del 30° di fondazione della “Trevisani nel Mondo”

 

TREVISO – Nel cosmo variegato dei nostri paesi ha inciso profondamente il fenomeno dell’emigrazione , uno status che direttamente o indirettamente appartiene ad ogni famiglia, ad ogni paese. E gli emigranti sono stati tanti , attraverso il tempo, al punto che non se ne è nemmeno tenuto il conto, tanti da non sapere esattamente quanti  . Non così lo è stato per tutti i comuni , in quanto alcuni più di altri hanno cercato di mantenere vivo e “catalogato” questo interesse. Vedi Montebelluna, che è una città, quindi con maggiori difficoltà di reperimenti dati, ma che tuttavia è partita da un presupposto che è pure indicativo di una situazione: l’Aire. Ovvero : l’anagrafe italiana dei residenti all’estero . Ad essere iscritti sono meno del 30% , una percentuale forse esigua. Se consideriamo poi le generazioni che si sono succedute perdendo qualsiasi aggancio,siamo indotti a pensare che questo anagrafe sia relativa. Ma pur sempre un punto di partenza.

Ecco quindi che a Montebelluna va il riconoscimento di una lodevole iniziativa,: quello di indire un progetto congiunto Trevisani nel Mondo del posto ( che ne sono i promotori anche in vista del gong del 30° di fondazione che verrà scandito nell’aprile prossimo)e in stretta collaborazione con il Comune e e la Biblioteca di Montebelluna. Già a disposizione i dati relativi agli ultimi dieci anni suddivisi per fasce di età: sono 222 i giovano fino a 35 anni , 155 da 35 a 50, 82 oltre i 50, 459 in tutto . Adesso, oltre al grande coraggio, c’è più preparazione e magari una laurea. Ma restano  problemi analoghi, di distacco e ambientamento.

Il progetto prenderà forma concreta con la raccolta in  volume , tramite interventi e interviste, di una storia-scritta degli emigranti montebellunesi.

Si questa prima griglia di dati statistici e progettualità varie, si sta quindi muovendo con grande entusiasmo e determinazione lo stesso sindaco Marzio Favaro con il suo staff, unitamente al presidente dell’Aitm montebellunese Giuseppe Biz , il tesoriere Guido Teso e il segretario Florio Durante. Quest’ultimo figura storica della fondazione e fratello di padre Giuseppe , missionario ad Haiti,per il quale con altri volontari da tanti anni si sta prodigando con opere di supporto anche  sul posto . Ed è questa la”perla”che maggiormente brilla nel diadema dell’associazione. (Riccardo Masini – Trevisani nel Mondo /Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform