direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Marco Fedi (Pd): “Ruolo fondamentale dei Patronati nel mondo: da aggiornare e rinnovare”

ITALIANI ALL’ESTERO

 

 

ROMA –  Viviamo in un mondo globale ma le nostre riflessioni sono settoriali, trascurano il quadro d’insieme. La relazione dell’Inps e le riflessioni del Presidente Boeri, ad esempio, che hanno avuto ampia eco, non contengono dati altrettanto importanti sulle pensioni pagate dal mondo verso l’Italia. Probabilmente perché l’obiettivo di quella comunicazione era rafforzare l’idea che la previdenza nazionale ha un carico internazionale troppo elevato. Il carico internazionale troppo elevato giustificherebbe poi i tagli ad alcune prestazioni. Tutto ciò indebolisce noi tutti, l’idea di servizi di Patronato nel mondo. Senza offrire alternative. Senza sbocchi.

In parte siamo tutti responsabili di questa condizione: le questioni della tutela previdenziale, come della internazionalizzazione del sistema economico, sono temi che riguardano il sistema Italia nel suo complesso. Non solo prerogativa degli italiani nel mondo. Devono essere affrontati con strumenti nuovi, sia di interpretazione della realtà che nell’offerta di servizi ma anche con un nuovo linguaggio di una comunicazione che deve essere integrata e completa.

I Patronati svolgono un ruolo fondamentale nei Paesi di residenza dei nostri connazionali nel mondo. Si tratta di un lavoro che da “complementare” alla rete consolare è diventato, sui temi della tutela e protezione sociale, “esclusivo” e “fondamentale”.

Sono queste le ragioni che ci portano come Parlamentari eletti all’estero a sostenere i Patronati nel mondo.

Dobbiamo porci una domanda: siamo tutti d’accordo che i Patronati sono importanti, davvero importanti, in Italia e nel mondo, e che pertanto dobbiamo tutti insieme trovare una via diversa ai tagli, anno dopo anno, legge di stabilità dopo legge di stabilità? Noi abbiamo una responsabilità, far ripartire in modo credibile la discussione sulle convenzioni bilaterali e multilaterali: lo dico perché possiamo reagire alle sfide se cominciamo a partecipare alla discussione politica su questi temi. Si citano le maggiorazioni sociali senza ricordare che anche altri Paesi extra-Europei corrispondono analoghe misure ai pensionati in Italia, si parla di trattamento minimo senza ricordare che molta della nostra giurisprudenza, del lavoro e previdenziale, ha collocato, in un momento preciso della nostra storia, il trattamento minimo al centro delle prestazioni. Dimenticando anche che le convenzioni internazionali, in alcuni casi, prevedono espressamente l’inclusione del trattamento minimo nel calcolo delle pensioni.

Complessivamente concluderei con un impegno per tutti noi: rilanciare un’idea forte di presenza dei servizi dei Patronati nel mondo. I Patronati accettano in pieno  la sfida della modernizzazione, della trasparenza e dell’efficienza. Per questa ragione dobbiamo trovare insieme una strategia che riporti al centro del sistema i lavoratori, le nuove mobilità, le prestazioni, sempre più composite e diversificate, sulle quali gli autentici specialisti sono i funzionari di Patronato nel mondo.

Dobbiamo anche chiedere al Governo che comprenda e riconosca e valorizzi le specificità e le potenzialità di questa rete nel mondo. (Marco Fedi*/Inform)

*Deputato Pd circoscrizione Africa-Asia-Oceania-Antartide

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform