direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Lombardia, Diocesi di Mantova: Intitolazione della Stazione ferroviaria a san Pio X. Già da vescovo di Mantova mons. Sarto fu molto vicino agli emigranti

CHIESA CATTOLICA

 

MANTOVA – Monsignor Giuseppe Sarto, vescovo di Mantova dal 1884 al 1893 – successivamente Papa Pio X – fu tra i primi ad interessarsi alle sorti dei tanti mantovani, e poi italiani, che all’epoca emigravano in cerca di fortuna. Questa sua attenzione ebbe origine dall’incontro personale con le centinaia di persone che transitavano dalla città di Mantova per recarsi alla stazione ferroviaria, in direzione del porto di Genova, da cui si sarebbero successivamente imbarcate per l’America.

Il primo atto concreto del vescovo Sarto fu l’invio a tutti i sacerdoti della sua diocesi di una lettera pastorale – il 19 agosto 1887 – in cui manifestava la preoccupazione per la sorte di “tanti suoi figli” nei Paesi di destinazione, e invitava i sacerdoti ad avere numerose attenzioni nei loro confronti, di tipo spirituale ma anche di aiuto concreto, sia prima che dopo la partenza. Da papa, fondò il primo ufficio della Curia Romana dedicato all’emigrazione, invitando al contempo tutti i vescovi a proteggere i fedeli in partenza, anche costituendo in ogni diocesi un patronato per i migranti. La sua azione pastorale si intrecciò con quella di mons. Giovanni Battista Scalabrini, di Santa Francesca Saverio Cabrini e di mons. Geremia Bonomelli, fondatori di opere dedicate all’assistenza degli italiani emigrati all’estero.

La memoria di questa attenzione e sollecitudine – quanto mai attuale in un tempo di grandi migrazioni, com’è quello che stiamo vivendo – ha indotto il vescovo Marco ad appoggiare la richiesta dell’associazione “Mantovani nel mondo”, condivisa anche dalla Fondazione Migrantes della CEI, di intitolare la stazione ferroviaria di Mantova al vescovo Giuseppe Sarto, poi papa Pio X, in quanto ricordare la sua azione “ci fa riflettere sull’esteso fenomeno dell’emigrazione dei nostri giorni, sui sentimenti comuni di carità e umanità nei confronti dei migranti in un impegno rivolto all’integrazione e alla comprensione reciproca”. A seguito dell’accoglimento della richiesta da parte di RFI – Rete Ferroviaria Italiana – nel prossimo autunno si terrà la cerimonia ufficiale di intitolazione. Nel 2023 ricorre tra l’altro il 120° anniversario dell’elezione a pontefice di San Pio X, per cui l’evento si inserirà in un calendario di eventi a lui dedicati. Tra questi, il pellegrinaggio che la diocesi di Mantova propone per sabato 14 ottobre a Riese, paese natale di San Pio X. In quell’occasione sarà possibile anche venerare il corpo del Santo, che giungerà in pellegrinaggio da Roma. (diocesidimantova.it/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform