direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

L’Italia in 5 mila sale cinematografiche del mondo nel film indiano record di incassi “Radhe Shyam”

ESTERI

Film realizzato grazie alla Direzione Generale Cinema del MIC, all’Ambasciata Italiana in India, Enit, Film Commision e alle regioni italiane

8 milioni di persone in 3 giorni hanno ammirato la penisola sul grande schermo. Cinque regioni italiane scenografia di una storia d’amore indiana con i super big Prabhas e Hedge

 

ROMA – L’Italia con Enit in 5 mila sale cinematografiche del mondo con il film “Radhe Shyam” campione d’incassi (18 milioni di euro, il più alto record mondiale di un film indiano nel 2022). Ben oltre 8 mila persone hanno ammirato l’Italia sul grande schermo in soli tre giorni. Ad ogni singola review la cosa più convincente del film è sempre stata la bellezza delle location italiane. Ben cinque le regioni coinvolte: sono state toccate le Alpi della Valle d’Aosta, il mare della Liguria e la Toscana e poi Lazio e Piemonte. La Penisola è stata set di un’avvincente storia d’amore tra Roma e Torino con due star indiane di enorme fama e calibro come Prabhas – considerato tra i più influenti in India – e Pooja Hedge.  Numerose settimane di riprese avvenute nel 2020 per un progetto che valorizza il lifestyle e la gioia di vivere italiana e indiana in un fil rouge che lega i popoli e frutto della sinergia e del lavoro di squadra tra pubblico e privato.

Radhe Shyam, prodotto dall’indiano Pramod Uppalapati (UV Creations) con la produzione esecutiva di Ivano Fucci per ODU Movies, è stato realizzato grazie alla Direzione Generale Cinema del MiC, con la collaborazione dell’Ambasciata italiana in India e con il coinvolgimento di ENIT, specialmente nella fase di lancio.

“I luoghi italiani una volta legati al cinema si fortificano e diventano portatori di esperienze memorabili che invogliano alla scoperta dei territori. I film sono uno stimolo alla valorizzazione delle location, valorizzazione che non è così automatica ma occorre predisporre strategie e spazi per l’accoglienza e una spinta a maturare interesse crescente per luoghi anche meno noti visti da angolazioni e punti di vista differenti” dichiara il Presidente Enit Giorgio Palmucci.

Un progetto che evidenzia ed enfatizza al meglio il legame tra cinema e turismo e che ha un potenziale promozionale unico, proprio per la notorietà dei suoi protagonisti e per i territori in cui è stato realizzato, e che ha visto la collaborazione di numerose realtà italiane.

Le riprese – che hanno coinvolto sul set circa 1.000 professionisti – sono state realizzate con il sostegno delle varie Film Commission italiane coinvolte dalla produzione, ovvero Film Commission Torino Piemonte, Film Commission Valle d’Aosta, Genova Liguria Film Commission, Roma Lazio Film Commission, and Toscana Film Commission: numerosi gli scorci, gli ambienti, i monumenti e le eccellenze italiane che il pubblico internazionale del film potrà vedere e conoscere.

Le principali location italiane coinvolte sono le seguenti: Lazio: Roma e il suo centro storico, il Colosseo. Piemonte: Torino e il suo centro storico, Palazzo reale di Venaria, Palazzo Madama, Palazzo Carignano, Palazzina di Caccia di Stupinigi, Il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano, Barolo e I suoi vigneti. Liguria: Spiaggia di Malpasso. Val d’Aosta: Le Alpi, il Monte Bianco, il Cervino e il Grand Paradiso in Valle d’Aosta. Toscana: Il Ponte di Mezzo di Pisa, Le mura di Lucca, Il centro di Arezzo, La Chiesa di Santa Maria della Pieve. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform