direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

L’IIC di Bratislava organizza dal 23 febbraio all’8 marzo, nel centro della città, “Italia – Paesaggio, Film, Fotografia”

MOSTRE

50 foto tratte dalla cinematografia classica e contemporanea italiana saranno esposte in spazi all’aperto, normalmente utilizzati per la pubblicità

BRATISLAVA – L’Istituto Italiano di Cultura di Bratislava organizza dal 23 febbraio all’8 marzo 2021, all’aperto, nel centro della città, la mostra “Italia – Paesaggio, Film, Fotografia”, che presenta 50 foto tratte da varie pellicole proiettate nelle rassegne Cinevitaj e MittelCinemaFest, appuntamenti che illustrano in Slovacchia diversi aspetti della cinematografia classica e contemporanea italiana.

Sarà così possibile vedere, per esempio, ad una fermata del tram, una immagine di grande formato di Vittorio De Sica che, insieme a delle ragazze, guarda il Canal Grande a Venezia, oppure vicino ad un semaforo Marcello Mastroianni e Virna Lisi che viaggiano in bicicletta, fino ad arrivare a storie più recenti, come quella tratta da “La pazza gioia”, dove Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti sfrecciano su una sgargiante Lancia Appia Convertibile.

Le immagini – che arrivano a Bratislava grazie al Centro Cinema di Cesena e al suo direttore Antonio Maraldi – partono dall’immediato dopoguerra, quando, sulla spinta del Neorealismo, il cinema italiano è sceso nelle strade e nelle piazze di tutta Italia. Una pratica che ha riguardato anche commedie e melodrammi, cinema popolare e cinema d’autore, e che ha coinvolto tutto il settore dei decenni successivi.

L’esposizione rende testimonianza di questa modalità produttiva, puntando da un lato alla documentazione delle varie location regionali, scelte di volta in volta dalle diverse troupe, e dall’altro evidenziando l’eccellente lavoro di varie generazioni di fotografi di scena, succedutesi nel corso di oltre 70 anni.

Quasi tutta l’Italia è rappresentata, da Torino a Palermo, dal Friuli Venezia Giulia alla Sardegna, toccando piccoli paesi e grandi città, paesaggi campestri e scenari urbani. L’insieme forma un album affascinante di luoghi e immagini, frammenti di film e personaggi che da “Ossessione”di Luchino Visconti (1941) arriva a “Il traditore”di Marco Bellocchio (2019).

All’esposizione, visibile a Bratislava in spazi normalmente utilizzati per la pubblicità, è inoltre abbinata una rassegna cinematografica online che presenta sulla piattaforma Kino Doma alcuni dei film da cui sono tratte le immagini, tra cui “Benvenuti al Sud” di Luca Miniero, “Una questione privata” di Paolo e Vittorio Taviani e “Momenti di trascurabile felicità” di Daniele Luchetti.

La mostra segue quella intitolata “Otto e mezzo di Fellini”, organizzata nel giugno scorso con successo e che ha proposto nel centro di Bratislava e Kosice, seconda città della Slovacchia, immagini di Paul Ronald della famosa pellicola. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform