direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La deputata Elisa Siragusa (M5S) interviene su Facebook sulla riduzione dei contributi per la stampa italiana all’estero

ITALIANI ALL’ESTERO

 

I commenti della deputata Angela Schirò (Pd), del presidente della Fusie Giangi Cretti e delle senatrici del partito democratico Laura Garavini e Tatiana Rojc

ROMA – In una messaggio su Facebook la deputata del Movimento 5 Stelle Elisa Siragusa, eletta nella ripartizione Europa, dopo aver evidenziato che il Governo Gentiloni ha portato da 2 a 3 milioni di euro i contributi per i giornali italiani diffusi all’estero, ha sottolineato come il piano del Movimento 5 Stelle preveda nel 2019 il dimezzamento del finanziamento pubblico ai giornali e nel 2020 il taglio completo di tali finanziamenti. La deputata conclude il suo messaggio con la frase “Diamoci un taglio”.

Su questo punto è intervenuta la deputata del Pd, eletta nella ripartizione Europa, Angela Schirò, che ricorda come il Presidente della Repubblica Mattarella incontrando i partecipanti agli Stati generali della lingua italiana, abbia detto: “Alcuni strumenti sono stati sperimentati con successo in questi anni (…) penso alla stampa e all’editoria in lingua italiana all’estero, per la quale è indispensabile il sostegno pubblico”. “Il M5S – afferma la deputata del Pd – non si è accorto che un giornale in italiano pubblicato all’estero tra mille difficoltà sostiene il vincolo di comunità, preserva la pratica dell’italiano e trasmette informazioni a cittadini che debbono esercitare un diritto primario come il voto”.

Dal canto suo il Presidente della Federazione Unitaria della Stampa Italiana all’Estero Giangi Cretti si chiede quali motivazioni abbiano spinto la deputata del Movimento 5 Stelle, al di là di una legittima affermazione di condivisione di una linea politica, “ad un giudizio così lapidaria: azzeriamo, (diamoci un taglio appunto) i contributi per la stampa”. “Ignoro quale conoscenza l’on. Elisa Siragusa abbia della variegata e multiforme galassia che costituisce l’espressione dell’informazione italiana all’estero. Neppure so cosa effettivamente sappia della sua storia del ruolo e della funzione che riveste in molte realtà al di fuori dei patri confini”, prosegue Giangi Cretti che si dice sorpreso, al di là dei toni asciutti imposti dallo strumento comunicativo, della convinzione e sicurezza che traspare dal messaggio affidato alla pagina Facebook. Il Presidente della Fusie ricorda inoltre la coincidenza temporale con il messaggio del Presidente Mattarella che, nello stesso giorno ha detto che l’esperimento dell’editoria italiana all’estero è meritevole dell’indispensabile sostegno pubblico.

In questo ambito sono intervenute anche le senatrici del Pd Laura Garavini e Tatiana Rojc che ricordano come “sostenere l’editoria italiana nel mondo significa anche promuovere la nostra cultura e la nostra lingua all’estero. Un principio fondamentale ribadito proprio ieri dallo stesso Presidente della Repubblica”. Per le senatrici “l’abolizione del finanziamento pubblico all’editoria colpirà soprattutto i piccoli editori, certo non le grandi lobby che hanno mezzi in abbondanza per stampare senza il sostegno pubblico”. Garavini e Rojc sottolineano inoltre come il Pd abbia riconosciuto il valore di queste testate come strumento per promuovere la nostra cultura e coltivare il senso di comunità degli italiani nel mondo. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform