direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il 31 ottobre a Roma il convegno “Le parole della scuola e le parole della vita”

SOCIETA’ DANTE ALIGHIERI

 

L’incontro vuole riflettere sul futuro della scuola e della formazione universitaria italiana. A chiudere il dibattito l’intervento della ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli

 

ROMA – La scuola italiana è profondamente cambiata nel tempo, ma continua ad avere un ruolo centrale nel destino di tutti gli italiani. Le politiche in merito all’istruzione nel Paese hanno definito svolte e riforme fondamentali nel corso del Novecento, per poi percorrere scelte più ardite e oggetto di polemiche. Oggi si parla di svuotamento e di fallimento del ruolo della scuola e delle università, da qui la proposta della Società Dante Alighieri di stimolare un momento di confronto sul tema attraverso il convegno intitolato “Le parole della scuola e le parole della vita” in programma a Roma, presso la sede di Palazzo Firenze, il prossimo 31 ottobre a partire dalle ore 15. Per l’occasione sono stati chiamati a intervenire accademici quali lo stesso Andrea Riccardi, presidente della Società Dante Alighieri, promotrice dell’iniziativa, Claudio Marazzini, presidente dell’Accademia della Crusca, Luca Serianni, vicepresidente della Dante, e Maria Agostina Cabiddu, Ordinaria di diritto amministrativo al Politecnico di Milano e promotrice della petizione “L’italiano siamo noi”. A moderare l’incontro, le cui conclusioni saranno affidate alla ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli,  il segretario generale della Dante Alessandro Masi.

“Questo incontro – ha dichiarato il dichiara il presidente della Dante Andrea Riccardi – vuole essere l’occasione per sottolineare il ruolo e l’importanza della cultura umanistica nel mondo di oggi. Molti studenti delle scuole superiori, spaventati dalla mancanza di uno sbocco lavorativo, prediligono sempre di più una formazione tecnica. Vorremmo pertanto evidenziare come la cultura umanistica possa essere fondamentale per formare una nuova classe dirigente colta, tecnicamente qualificata, capace di dare vita a un “Nuovo Umanesimo”.

In occasione del convegno verrà firmato un accordo tra la Società Dante Alighieri e l’Accademia della Crusca finalizzato ad avviare un comune percorso di programmazione progettuale, individuando aree di intervento che consentano di operare congiuntamente. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform