direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

IX edizione di We Make Future, Di Maio: “Per migliorare nell’export servono interventi strutturali sulla digitalizzazione”

FARNESINA

 

ROMA – Il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, è intervenuto nei giorni scorsi alla IX edizione di We Make Future, organizzata nell’ambito di Web Marketing Festival. Il Ministro ha ribadito che digitalizzazione e innovazione sono i cardini della strategia per il rilancio del Made in Italy della Farnesina, attraverso iniziative come il Patto per l’Export e la G20 Innovation League. “Anche in un anno di crisi come il 2020 il festival ha confermato il suo ruolo di incubatore di idee con oltre 20mila partecipanti online. Digitalizzazione e innovazione sono il cardine della strategia di rilancio del Made in Italy da parte del nostro Ministero che ha acquisito le competenze in questo settore. Le esportazioni sono aumentate del 4,6% nel primo trimestre del 2021 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Ad aprile abbiamo visto un aumento del 3,4% rispetto a marzo. Per migliorare ancora servono interventi strutturali come quelli sulla digitalizzazione”, ha spiegato Di Maio facendo presente che dai dati dell’UE l’Italia risulta al 25° posto in questo ambito. Se da un lato ci sono poi sfide come la cyber-security dall’altro la digitalizzazione comporta però notevoli vantaggi sulla competitività internazionale. In ogni caso le previsioni dicono che l’industria italiana 4.0 è destinata a una crescita sostanziale tra il 2021 e il 2022. “Bisogna puntare su realtà ad alto contenuto tecnologico e innovativo, incluse le cosiddette start-up. La strategia per l’internazionalizzazione e la tutela del Made in Italy sono priorità della Farnesina: per attuare questa nuova strategia abbiamo messo a punto il Patto per l’Export da 5,4 miliardi di euro”, ha aggiunto Di Maio citando strumenti come smart export o l’accademia digitale per l’internazionalizzazione oppure ancora il temporary export manager e il bonus per l’export. Tutti questi strumenti sono rintracciabili nell’unico portale export.gov.it. Di Maio ha sottolineato anche che, nell’ambito del PNRR, la Farnesina ha promosso la destinazione di 1 miliardo e 200 milioni, di cui 400 milioni a fondo perduto, per il rifinanziamento del Fondo 394 per il sostegno all’export in continuità con il Next Generation. Di Maio ha ricordato la campagna di comunicazione e la promozione integrata, proteggendo altresì il Made in Italy dalle imitazioni. “Un sistema di proprietà intellettuale chiaro ed efficace che dia certezze delle conseguenze che derivano da comportamenti illeciti”, ha auspicato Di Maio evidenziando l’agroalimentare tra i settori più colpiti dal fenomeno conosciuto come ‘italian sounding’. Anche per questo continueremo ad avvalerci di progetti come True Italian Taste coordinato da Assocamerestero”, ha aggiunto Di Maio parlando della necessità di nuovi strumenti di risposta nel campo della cyber-security e dello spazio cibernetico nazionale da salvaguardare anche per attrarre maggiori investimenti ed essere competitivi. Di Maio ha menzionato anche l’iniziativa G20 Innovation League (9-10 ottobre a Sorrento) volta a stimolare il meccanismo di collaborazione nel campo dell’innovazione. Sempre in autunno si terrà la Conferenza dei Giovani, che sarà aperta anche ai giovani provenienti dai Balcani Occidentali e dai Paesi del Mediterraneo. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform