direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Italia-Spagna, firmata dai  ministri Orlando e Díaz Dichiarazione di intenti su ispezioni lavoro

MINISTERO DEL LAVORO

Obiettivi: rafforzare la cooperazione bilaterale in materia ispettiva, promuovere il lavoro dignitoso, tutelare i diritti dei lavoratori e favorire la libera concorrenza tra le imprese

 

ROMA – Per discutere a livello internazionale di lavoro e piattaforme digitali, si è tenuto a Roma l’evento “Transnational aspects of platform work” promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali insieme a ELA (European Labour Authority) e Spagna. Sono intervenuti  il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Andrea Orlando, la ministra spagnola del Lavoro e dell’Economia Sociale Yolanda Díaz,  il commissario europeo per l’Occupazione, gli Affari Sociali e l’Integrazione Nicolas Schmit e il direttore esecutivo ELA, Cosmin Boiangiu.

A margine dei lavori il ministro Orlando e la ministra Díaz, hanno firmato una  Dichiarazione di intenti Italia-Spagna che ha l’obiettivo di rafforzare la cooperazione bilaterale in materia ispettiva, promuovere il lavoro dignitoso, tutelare i diritti dei lavoratori e favorire la libera concorrenza tra le imprese; nella piena consapevolezza  dell’importanza di valorizzare le potenzialità di tale collaborazione alla luce dell’Obiettivo 8 di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030.

Accordi di questo tipo si inquadrano anche nell’ambito dell’azione di sostegno da parte di ELA alla nascita e sviluppo di forme di collaborazione bilaterale tra Stati Membri. La cooperazione fra i rispettivi Ispettorati del lavoro sarà finalizzata al contrasto dei fenomeni di irregolarità transfrontaliere e allo sviluppo di accertamenti coordinati su realtà aziendali le cui sedi legali, unità operative, piattaforme tecnologiche o attività lavorative insistano o abbiano comunque rilievo sui territori nazionali.

Dal punto di vista concreto sono previste le seguenti azioni: scambio di informazioni, documentazione, esperienze e buone pratiche; visite di delegazioni ufficiali o dislocamento di tecnici specializzati nel settore; organizzazione e partecipazione a corsi, seminari, workshop e riunioni; adozione di accordi o linee guida comuni per l’esecuzione di azioni ispettive che interessano aziende o lavoratori di entrambi i paesi. Per assicurare un costante ed efficace confronto sui risultati raggiunti, per monitorare e risolvere eventuali criticità e per assicurare un aggiornamento continuo sull’evoluzione normativa l’accordo prevede anche un incontro annuale tra le parti. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform