direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Istituto Italiano di Cultura di Amburgo, il 7 marzo Portraits, spettacolo di musica e danza della Compagnia Artemis Danza di Parma, con le musiche di Giacomo Puccini

CULTURA

 

AMBURGO – In occasione del centesimo anniversario della morte del compositore Giacomo Puccini (1858-1924), noto in tutto il mondo per capolavori come Tosca, Madama Butterfly, Il Trittico e Turandot, l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo presenta presso le proprie sale giovedì 7 marzo 2024 alle ore 19 uno spettacolo di musica e danza a cura della Compagnia Artemis Danza di Monica Casadei, con la coreografia di Monica Casadei, le musiche di Giacomo Puccini, le composizioni originali di Luca Vianini e Fabio Fiandrini, e prodotto dalla stessa Compagnia Artemis Danza con il sostegno dell’Assessorato Cultura e Paesaggio, Regione Emilia-Romagna. L’evento è organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo. La partecipazione all’evento è gratuita, ma è richiesta la registrazione tramite il portale di Eventbrite al link Puccini_100.eventbrite.de.

Nell’anno della designazione del canto lirico a patrimonio immateriale dell’UNESCO, Monica Casadei esplora con PORTRAITS due protagoniste del melodramma, nate dal genio di Giacomo Puccini, di cui si celebrano i 100 anni dalla morte Tosca e Butterfly. Sono i ritratti di queste indimenticabili figure che vengono messi a fuoco dagli assoli sulla scena, accompagnati da due cortometraggi in cui coreografie corali si snodano sullo sfondo d’eccezione di due celebri siti archeologici romani: le Terme di Caracalla e la Villa Adriana. La narrazione si concentra sul tema della violenza contro le donne che, dalla finzione scenica, diviene tragica realtà contemporanea. Su un appassionante tappeto sonoro si impongono con forza due personaggi: la forte e candida Tosca e il Barone Scarpia avido di potere e bramoso di possesso. Il sadismo, la crudeltà, la ferocia dell’essere umano, indagati senza intenti morali ma con interesse clinico per l’energica potenza  che generano, si pongono come sentimenti centrali di questa coreografia, costruita sulla tensione del rapporto tra il carnefice e la sua vittima. Le arie più suggestive cantate da Cho Cho San accompagnano invece la danza di Madama Butterfly, una presenza che si impone sulla scena mettendo a nudo i sentimenti feriti, il dramma interiore, la solitudine di una figura al contempo eterea e lacerata, raccontandone l’attesa e la fine, tragica e ineluttabile. La comprensione della musica di Puccini passa dall’analisi del suo profondo rapporto con il mondo femminile, un universo colmo di sfaccettature e sensibilità. Il messaggio è chiaro fin dai titoli scelti per i suoi più celebri lavori Tosca e Butterfly.

MONICA CASADEI E ARTEMIS DANZA

“Tutto quello che l’umanità ha vissuto è scritto nel corpo. Danzare l’anima, quella antica e quella di oggi, è porre movimento e forma al servizio di necessità, urgenza, emozione e anima” M.C. Monica Casadei nasce a Ferrara e dopo una carriera agonistica in ginnastica ritmica, si dedica allo studio della danza classica e moderna, laureandosi con lode con una tesi su Platone e la danza. I suoi studi la portano a Londra e infine a Parigi, dove conosce i coreografi Pierre Doussaint e Isabelle Doubouloz e il Maestro André Cognard Hanshi So shihan, con il quale tutt’ora continua a praticare l’arte marziale dell’Aikido. In Francia ha fondato la compagnia Artemis Danza, con la quale si trasferisce in Italia nel 1997 iniziando un’intensa attività di produzione che comprende ad oggi più di quaranta creazioni originali. Per circa 10 anni la compagnia è stata in residenza alla Fondazione Teatro Due di Parma, mentre dal 2014 è in residenza artistica al Teatro Comunale di Bologna. Artemis Danza è stata invitata nei più importanti teatri e Festival italiani, oltre che in numerose tournée e festival internazionali. Alla base della ricerca artistica di Monica Casadei c’è il contatto con diverse aree artistiche, culturali e geografiche, nonché l’esplorazione dei luoghi e degli spazi urbani in cui si svolge l’azione performativa. Parallelamente alla sua attività di produzione, Artemis sostiene, produce e promuove giovani artisti e svolge attività di educazione artistica del pubblico. (Inform).

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform