direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Inizia oggi l’esperienza con Focsiv di 400 giovani volontari

SERVIZIO CIVILE

93 presteranno il loro servizio in Italia, 305 all’estero, in 35 paesi tra Africa, America Latina, Asia e Europa

 

ROMA – Sono quasi 400 i giovani volontari che iniziano oggi il servizio civile con Focsiv, la Federazione degli Organismi cristiani di Servizio Internazionale Volontario, e i suoi soci. Quelli coinvolti sono 34, 140 le sedi all’estero e 30 in Italia; 93 giovani presteranno qui il loro servizio, 305 all’estero, in 35 paesi tra Africa, America Latina, Asia e Europa.

Si parte con la formazione generale: 9 poli formativi, da Barzio, in provincia di Milano, a Catania, suddivisi in 18 classi.

Per il presidente Focsiv, Gianfranco Cattai, si tratta di “numeri rilevanti e significativi per l’insieme della nostra Federazione e per i nostri partner e che ci impongono investimenti consistenti in termini di risorse umane ed economiche”. “Siamo tuttavia orgogliosi – assicura – di continuare a essere un punto di riferimento per tanti giovani che scelgono di mettersi in gioco e crescere nella cultura dell’impegno e della solidarietà internazionale. Si tratta di una testimonianza importante, dimostra che i nostri giovani rispondono con la condivisione e l’impegno alla cultura del rifiuto e dell’indifferenza, scelgono di costruire ponti e non di alzare muri, di difendere la dignità delle persone ovunque esse si trovino. Un impegno per la pace costruito nelle tante periferie di questo nostro mondo, dove l’umano è messo alla prova”.

Richiamata anche la ricerca condotta lo scorso anno insieme a Censis, su un campione di oltre 600 giovani che hanno vissuto l’esperienza di Servizio Civile all’estero e che hanno affermato – per il 79% – di essere stati “formati” dalle persone che ha incontrato durante l’anno di servizio. Il 32% dopo il rientro – segnala la nota diffusa dalla Focsiv – è ripartito per un nuovo impegno di volontariato e il 77% è rimasto in contatto con le persone che ha incontrato.

Dalla Federazione anche un ringraziamento al Governo e in particolare al sottosegretario Luigi Bobba e al consigliere Calogero Mauceri, capo Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile, e tutto il suo staff, per gli sforzi fatti per consentire a quasi 50.000 giovani, quest’anno, di vivere un’esperienza insostituibile. “Auspichiamo che nel 2016 siano confermati, se non incrementati, gli stessi numeri – conclude la nota, – per rispondere alla richiesta da parte dei giovani che è sempre più ampia”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform