direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il presidente Mattarella visita i Laboratori Nazionali del Gran Sasso

QUIRINALE

“Un punto di eccellenza tra i più alti del nostro Paese e un motivo di prestigio e di orgoglio per l’Italia”

L’AQUILA – In occasione del trentennale delle attività scientifiche dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha visitato ieri le sale sperimentali all’interno del massiccio del Gran Sasso ed ha partecipato alla cerimonia celebrativa che si è svolta presso la Sala Fermi.

Mattarella è stato accolto dal presidente dell’INFN Fernando Ferroni, dal direttore dei Laboratori Stefano Ragazzi, dal sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, dal presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso e dal presidente della Provincia dell’Aquila Angelo Caruso, ed è stato accompagnato quindi nella visita delle tre grandi sale sperimentali anche da una delegazione della giunta esecutiva dell’INFN e dal professor Antonino Zichichi.

“È da tempo che desideravo visitare i laboratori del Gran Sasso – ha dichiarato il capo dello Stato – perché questo è un punto di eccellenza tra i più alti del nostro Paese e costituisce un motivo di prestigio e di orgoglio per l’Italia, attestato dal carattere internazionale dei laboratori, non soltanto testimoniati dalla presenza di tanti ricercatori e studiosi di ogni parte del mondo, ma anche per la continua interazione, il continuo confronto e lo scambio di esperienze e di conoscenze con tanti altri luoghi di ricerca del mondo.

Vi sono altri motivi di riconoscenza che desidero sottolineare – ha aggiunto Mattarella -. L’Istituto nazionale e i laboratori svolgono un ruolo di selezione importante di tanti ricercatori di alta qualità nel nostro Paese; formano tanti giovani studiosi e questa è una ricchezza che consente al nostro Paese di guardare al futuro non soltanto senza essere escluso ma partecipando alle frontiere dell’innovazione, della conoscenza e dell’applicazione delle ricerche”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform