direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il 5 aprile al Coasit di Melbourne la conferenza dedicata alle donne della Divina Commedia a cura della professoressa Diana Glenn

APPUNTAMENTI

L’iniziativa per la serie “Out of Exile” è presentata dal Coasit in collaborazione con la Società Dante Alighieri per i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta

 

MELBOURNE – È in programma martedì 5 aprile alle ore 18.30 la conferenza dedicata alle donne della Divina Commedia a cura della professoressa Diana Glenn, presso il Coasit di Melbourne (199 Faraday Street, Carlton).

Si tratta dalla quarta conferenza della serie “Out of Exile” presentata dal Coasit in collaborazione con la Società Dante Alighieri per i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta.

Nel corso dei secoli, il ruolo delle figure femminili nella Divina Commedia, ad eccezione di Beatrice, sono state spesso rappresentate come marginali rispetto a quello delle figure maschili. In realtà, Dante offre un ruolo non marginale alle donne, conferendo loro importanza e voce singolari. Attraverso la rappresentazione dei personaggi femminili, il loro ruolo, la loro funzione e i loro ambiti di attività, la Commedia incorpora immagini tradizionali e contemporanee di donne che parlano delle loro vite personali, con alcune cui viene conferita una narrazione di specificità storica. I personaggi includono figure pagane, bibliche, storiche, letterarie e contemporanee.

La professoressa Diana Glenn è attualmente responsabile nazionale della Scuola delle Arti presso l’Australian Catholic University. È autrice di “Dante’s Reforming Mission” e “Women in the Comedy” (2008) e ha pubblicato numerosi articoli scientifici a livello nazionale e internazionale. Ha curato congiuntamente i volumi “Dante Colloquia in Australia” (1982-1999) nel 2000, “Flinders Dante Conferences” 2002 & 2004 (2005), “Imagining Home: Migrants and the Search for a New Belonging” (2011), “The Shadow of the Precursor” (2012), “Legato con amore in un volume: Essays in Honour of John A. Scott” (2013), e con Graham Tulloch, “Border Crossings” (2016) e “Italian Identities” (2020).

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform