direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il 27 gennaio a Gerusalemme la cerimonia di commemorazione ufficiale italiana allo Yad Vashem

GIORNO DELLA MEMORIA

 

GERUSALEMME – Si terrà domenica 27 gennaio, presso la Tenda della Rimembranza dello Yad Vashem a Gerusalemme, la cerimonia di commemorazione per la tragedia della Shoah. A promuovere l’evento sono l’Ambasciata d’Italia in Israele, che metterà a disposizione un autobus per i partecipanti, l’Istituto italiano di cultura di Tel Aviv e Yad Vashem. La cerimonia ufficiale è prevista per le 14.30 alla Tenda della Rimembranza; si proseguirà dalle 15 presso l’Auditorium dello Yad Vashem con un incontro, a ingresso libero, per il centenario della nascita dello scrittore italiano Primo Levi, sopravvissuto ai campi di sterminio nazisti e testimone degli orrori della Shoah. E’ previsto un saluto d’apertura da parte dell’On. Enzo Moavero Milanesi, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

L’incontro, dal titolo “La parola e le radici. Primo Levi a cent’anni dalla nascita”, vedrà la partecipazione di Stefano Bartezzaghi e Manuela Consonni: l’incontro si svolgerà in italiano, con traduzione simultanea in ebraico. Stefano Bartezzaghi si occuperà del tema “Levi, o della memoria dell’oltraggio” ricordando come per Primo Levi, chimico e scrittore, la memoria è un senso: ossia una forma di comprensione e una condizione per parlare, fino ad arrivare a dire quel che dire non si può. Bartezzaghi è saggista e giornalista nonché docente di semiotica e teorie della creatività. Sulla figura di Primo Levi ha già pubblicato “Una telefonata con Primo Levi” edito da Einaudi nel 2012 e nel 2009 ha tenuto l’annuale “Lezione Levi” per il Centro ‘Studi Internazionali Primo Levi’ di Torino.

Manuela Consonni tratterà invece di “Primo Levi, Giobbe e la ricerca delle radici”: un  diagramma costituito da due punti legati insieme da quattro diverse traiettorie ellittiche apre “La ricerca delle radici”, il libro di Primo Levi uscito nel 1981. Esse riportano i libri che Levi pone alla base della sua formazione: i quattro itinerari di letture che sostanziano il percorso umano e intellettuale dello scrittore torinese. Consonni ricopre la cattedra ‘Pela e Adam Starkopf’ in Studi sull’Olocausto, presso il Dipartimento di storia ebraica ed ebraismo contemporaneo dell’Istituto di Storia dell’Università Ebraica di Gerusalemme; qui dirige anche il Dipartimento di Studi romanzi e il Centro internazionale ‘Vidal Sassoon’ di Studi sull’antisemitismo. Tra le sue numerose pubblicazioni, ricordiamo: “Resistenza o Shoah: la memoria della deportazione e dello sterminio in Italia, 1945-1985” edito da Magnes Press e The Hebrew University of Jerusalem nel 2010; l’articolo “Primo Levi, Robert Antelme and the Body of the Muselman” pubblicato su Partial Answers nel 2009. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform