direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

III Commissione Senato: indagine conoscitiva sulle condizioni e le esigenze degli italiani nel mondo,  audizione del Sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova

SENATO DELLA REPUBBLICA

(fonte immagine Senato)

ROMA – Il Sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova è intervenuto in audizione alla Commissione Esteri del Senato. Si è parlato, tra le diverse questioni legate ai connazionali nel mondo, delle elezioni dei Comites e del Cgie quali appuntamenti in calendario a stretto giro. Il Sottosegretario ha ricordato come al 30 settembre, i connazionali  iscritti all’estero siano 4,6 milioni. E’ stata anche affrontata la tematica della nuova mobilità, a cui guardare sia per i servizi consolari da erogare sia per le opportunità che essa può offrire al sistema Italia. “E’ uno strumento di soft power di cui avvalerci per promuovere anche il Vivere all’Italiana: la Farnesina accompagna questa nuova mobilità in un processo di sostegno con rinnovate forme di associazionismo. Parigi, Madrid, Londra e Berlino sono capitali in cui ho incontrato parte di questa nuova mobilità”, ha spiegato Della Vedova evidenziando come occorra una rete di accoglienza forte per evitare che queste persone si possano trovare sole. “L’obiettivo è creare reti di connazionali nel mondo dell’associazionismo chiamate a vivere un ruolo importante anche per i rinnovi di Comites e Cgie: elezioni la cui importanza deriva dalla consapevolezza di una mutata composizione delle nostre comunità all’estero auspicando una partecipazione ampia dei connazionali, anche in presenza dell’opzione inversa. Stiamo facendo in modo di semplificare il più possibile il tutto per garantire l’inserimento di quante più persone nell’elenco dei votanti”, ha aggiunto il Sottosegretario sottolineando come la macchina della Farnesina sia già in moto da mesi per valorizzare questo importante appuntamento elettorale anche attraverso una campagna informativa con mezzi di comunicazione tradizionali e social. “C’è un’apposita cabina di regia per le elezioni cui partecipa anche il Cgie: oltre 100mila euro sono stati stanziati per la promozione a livello locale di iniziative informative. E’ stata inoltre attuata la sperimentazione del voto elettronico e se andrà bene potrebbe essere usato in futuro almeno per questo tipo di consultazioni”, ha spiegato Della Vedova ringraziando gli attuali Comites uscenti per l’assistenza fornita ai connazionali durante la pandemia, il sostegno alle nuove comunità e alla componente femminile. “Quella dei Comites è un’azione complementare rispetto a quella dell’amministrazione. L’Unità di Crisi ha effettuato oltre 1000 interventi per riportare a casa 112mila connazionali da 121 Paesi durante la pandemia; inoltre sono stati stanziati 6,5 milioni di euro vincolati all’assistenza finanziaria in più di 12mila interventi”, ha precisato il Sottosegretario ricordando gli aiuti economici, i pacchi alimentari, il bonus rimpatri e le visite mediche: un 50% di quei fondi è andato alle sedi dell’America centro-sud, un quarto alle sedi africane. E’ stata data inoltre la possibilità di vaccinarsi in Italia ai lavoratori italiani all’estero aventi diritto all’assistenza sanitaria nel nostro Paese ma anche gli iscritti Aire temporaneamente in Italia. Della Vedova ha quindi menzionato la bozza di accordo Maeci e patronati per una più stretta collaborazione non solo per l’assistenza previdenziale. “La rete diplomatico-consolare è sempre rimasta operativa per la prestazione di servizi e tutte le sedi hanno ripreso il lavoro in presenza in base alle situazioni contingenti locali. Non sempre lo smart working ha garantito uno stesso livello di prestazioni”, ha ammesso Della Vedova ricordando che la riapertura delle frontiere ha aumentato le richieste per l’emissione dei passaporti, mentre il settore anagrafico si è mantenuto abbastanza stabile nel livello delle domande. “In linea con il rinnovamento dell’agenda digitale – ha aggiunto Della Vedova – c’è stato lo sviluppo di portali per l’erogazione di servizi consolari come Fast It e Prenotami. Fast it consente nello specifico al cittadino residente all’estero di inviare la propria richiesta d’iscrizione Aire e segnalare le variazioni di residenza presso altre circoscrizioni consolari. Fast It è tra i portali più visitati della Farnesina. Prenotami invece è subentrato in sostituzione del vecchio Prenota Online: è stato quindi introdotto un sistema di gestione delle liste d’attesa” anche per evitare l’intermediazione di agenzie per la presa degli appuntamenti. Per quanto riguarda l’erogazione della carta d’identità elettronica, il Sottosegretario ha ricordato che questa è prevista già in 53 sedi diplomatico-consolari in Europa. Della vedova ha parlato infine del progetto sul turismo delle radici inserito nel PNRR, da sviluppare attraverso appropriate strategie di comunicazione coniugando il viaggio in se stesso alla conoscenza delle radici familiari. “Si stima un bacino di utenti di circa 80 milioni di persone: in base ai dati Enit ci sono stati ben 10 milioni di questi turisti nel 2018 con un indotto di circa 4 miliardi. Il tavolo tecnico sul turismo delle radici alla Farnesina riunisce ad oggi circa 90 soggetti istituzionali e del mondo associativo”, ha concluso Della Vedova al quale a seguire il Presidente di Commissione Vito Petrocelli ha chiesto delucidazioni sulle tempistiche dell’entrata in funzione dei nuovi Comites e del Cgie. Domanda alla quale ha risposto Luigi Vignali, Direttore Generale per gli Italiani all’Estero del Maeci, specificando non c’è una data certa per l’entrata in funzione dei Comites e non c’è ancora una data fissata per le elezioni del Cgie, ma c’è una previsione di massima: tra fine febbraio e inizio marzo 2022 dovrebbe entrare in carica il nuovo Consiglio Generale. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform