direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Golfo di Guinea: Nave Marceglia si addestra con la Marina Brasiliana

MARINA MILITARE

Al largo delle coste senegalesi manovre ravvicinate ed esercitazioni di abbordaggio con la fregata “Independência”

ROMA – Al largo delle coste senegalesi, in transito verso l’area di operazioni nel Golfo di Guinea, Nave Marceglia ha pianificato un’attività addestrativa a distanza ravvicinata con la Fregata brasiliana “Independência”, classe Niterói. L’occasione addestrativa ha visto impegnate le due Unità in manovre cinematiche elementari ed avanzate ed operazioni di volo coordinate con gli elicotteri imbarcati. Nel pieno rispetto del protocollo anti-Covid, è stata svolta un’esercitazione di abbordaggio visit, board, search, and seizure (VBSS) a beneficio del Team Opposed della Brigata Marina San Marco, per testarne prontezza operativa e flessibilità d’impiego.

L’addestramento congiunto è un elemento fondamentale di confronto e crescita, che deriva dal condividere le best practice, e migliorare l’efficacia di impiego dei rispettivi assetti, nonché un’occasione per rinvigorire e rinforzare legami con le Marine internazionali.

Il Comandante della BS Independência in rientro verso il Brasile, ha salutato il Comandante di Nave Marceglia, Capitano di Fregata Francesco Ruggiero, con queste parole “È stata una grande opportunità organizzare questo interessante evento addestrativo e poterci confrontare con un’Unità della Marina Militare Italiana. Ringrazio il Comandante e l’equipaggio di Nave Marceglia, augurandovi “fear winds and following seas” per la missione che vi aspetta in Golfo di Guinea”. Al termine dell’esercitazione, nell’ambito dell’Operazione Gabinia, Nave Marceglia ha proseguito la navigazione verso il Golfo di Guinea, dove sarà impegnata ad assicurare presenza e sorveglianza a tutela della sicurezza della navigazione in alto mare e a garantire il contrasto del fenomeno della pirateria fino al termine del suo dispiegamento nella High Risk Area. (Davide Ermo/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform