direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Giornata mondiale delle api: gli alunni di Sardagna in videoconferenza

TRENTINO

Hanno partecipato l’Assessore Giulia Zanotelli e il ricercatore ed entomologo della Fem Paolo Fontana

TRENTO – “Salvare le api per salvare il nostro futuro e noi stessi”, è stato questo il messaggio che hanno voluto esprimere i bambini e le bambine della Scuola Primaria Degasperi di Sardagna, dell’Istituto Comprensivo Trento 6, durante la videoconferenza con l’Assessore provinciale Giulia Zanotelli e il ricercatore ed entomologo della Fondazione Edmund Mach, Paolo Fontana, alla vigilia della Giornata mondiale delle api. L’importante ricorrenza è stata istituita dalle Nazioni Unite nel 2017 per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di questo laborioso insetto e promuovere azioni concrete per la loro tutela.

“Il ruolo delle api e degli altri insetti impollinatori è determinante, poiché la maggior parte delle colture alimentari dipende dall’impollinazione – ha commentato rivolgendosi agli alunni l’Assessore Zanotelli -. Sono insetti preziosi perché ci aiutano a preservare la biodiversità dei nostri boschi e dei nostri prati, oltre a darci un alimento buono e sano come il miele. E questo grazie all’indispensabile apporto degli apicoltori e aziende trentine”.  “Api che alleviamo, api solitarie e selvatiche, bombi: questi organismi rendono possibile la riproduzione delle piante e senza piante noi non mangiamo e non respiriamo – ha detto Paolo Fontana – rivolgendosi ad alunne e alunni – e il mondo come noi lo conosciamo non sarebbe più lo stesso”. “La biodiversità è la grande ricchezza di animali, piante, funghi e microorganismi. Le api sono in pericolo. Insieme ai bambini desideriamo ricordare quanto sia importante conoscerle e rispettarle”, con queste parole le docenti della Scuola Primaria di Sardagna hanno salutato i partecipanti alla videoconferenza.

Grazie alla coreografia di Isabel Nardelli, alunne e alunni hanno poi danzato, come fanno le api, e impersonato un alveare colpito da agenti esterni che si organizza per resistere agli attacchi. L’iniziativa era inserita nell’ambito del Il progetto Mellis, sviluppato nel corso del corrente anno scolastico 2019/2020 con il patrocinio della Provincia autonoma di Trento e della Fondazione Edmund Mach; ha consentito agli alunni, pur con le difficoltà imposte dal Covid, di avvicinarsi al mondo delle api, conoscendo alcuni aspetti della loro straordinaria vita e apprendendo la loro importanza per la conservazione della natura, per l’agricoltura e per la nostra sana alimentazione. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform