direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Giornata della Ricerca italiana nel mondo 2020

SCIENZA

Ventisei addetti scientifici e due addetti spaziali, presenti in ventuno Paesi, offrono la loro expertise tecnica nell’ambito di molte Ambasciate italiane all’estero, coordinati dalla Farnesina

ROMA – L’edizione 2020 della Giornata della Ricerca italiana nel mondo, che si celebra il 15 aprile nell’anniversario della nascita di Leonardo Da Vinci, cade in un momento storico cruciale in cui l’Italia e il mondo intero si confrontano con la pandemia da COVID-19 e offre l’occasione per riflettere sull’importanza della collaborazione scientifica nella ricerca di una cura. Questo il messaggio del video registrato dal testimonal d’eccezione della Giornata, Walter Ricciardi, Consigliere del Ministro della Salute per le relazioni dell’Italia con gli organismi sanitari internazionali.

Il suo videomessaggio viene distribuito oggi 15 aprile attraverso tutti i canali social della Farnesina e della Rete diplomatico-consolare e dà il via a una campagna di comunicazione che valorizzerà l’eccellenza italiana in campo scientifico e le sue importanti ricadute per lo sviluppo dell’uomo, non solo in ambito medico, nonché le importanti ripercussioni dell’innovazione in termini commerciali.

Quest’anno, in particolare, partecipa alla campagna social anche la rete di ventisei addetti scientifici e due addetti spaziali, presenti in ventuno Paesi strategici, che offrono la loro expertise tecnica nell’ambito di molte Ambasciate italiane all’estero, coordinati dalla Farnesina, e che permettono con la loro attività di rafforzare la collaborazione bilaterale in materia scientifica e tecnologica.

Tale rete negli ultimi tre anni ha permesso di finanziare 285 progetti di grande rilevanza con 16 Paesi e 400 scambi di ricercatori. Tra questi, anche importanti progetti per la lotta al COVID-19, come il supercalcolatore Exscalate, che sta testando virtualmente le molecole più efficaci a inibire la replica virus – una piattaforma sviluppata tra gli altri da Cineca e dal Politecnico di Milano -, o il modello matematico sviluppato da ricercatori italiani della Temple University, della Sapienza di Roma e della Accademia dei Lincei, che consente di prevedere la diffusione della pandemia in Italia, aiutando ad ottimizzare le risorse mediche. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform