direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Friuli Venezia Giulia: missione istituzionale della Regione negli Usa mirata all’attrazione di investimenti. Gala della Niaf: Friuli Venezia Giulia Regione d’onore per l’anno 2024

REGIONI

 

NEW YORK – Le collaborazioni strategiche si devono basare non soltanto sugli aspetti istituzionali ma anche su quelli economici e una maggiore collaborazione tra le imprese targate Fvg e quelle statunitensi, assieme alla reciproca presenza sui rispettivi mercati, rafforza l’alleanza tra l’Ue, l’Italia e gli Stati Uniti. In questo contesto il Friuli Venezia Giulia è sicuramente un’opportunità da scoprire, una regione di confine che costituisce una piattaforma logistica naturale verso il centro dell’Europa, per entrare nei mercati Ue, italiano e del centro ed est Europa.

È partendo da questi punti che il presidente  della Regione Friuli Venezia Giulia ha aperto nei giorni scorsi il proprio intervento al forum economico “Opportunities for partnership in the innovative companies of Italy’s Friuli Venezia Giulia” organizzato dalla National Italian American Foundation (Niaf) all’interno della sede del Nasdaq, la borsa americana dedicata al mercato azionario hi-tech.

Un evento di grande rilevanza per la missione istituzionale della Regione, alla quale hanno partecipato anche l’assessore alle Attività produttive e turismo, l’Agenzia Select Fvg e i vertici delle direzioni regionali Relazioni internazionale e Attività produttive, oltre ai rappresentanti di importanti imprese, tra cui, Marco Galbiati di Fincantieri Marine Group, Gianfranco Nazzi di Biofarma Group, Dario Roncadin della Roncadin, il presidente dell’Interporto di Trieste Paolo Privileggio, il presidente della Modiano Stefano Crechici e il country manager Usa and Americas di Intesa San Paolo Pierpaolo Monti, il direttore del Polo Tecnologico Alto Adriatico Franco Scolari e il vicepresidente della Camera di commercio Venezia Giulia Massimiliano Ciarrocchi.

Il presidente della Regione, dopo aver ricordato alcuni tra i principali punti di forza della regione come l’innovazione, la logistica, la navalmeccanica e il comparto scientifico e biomedicale nonché l’investimento sulla Green Hydrogen Valley con Slovenia e Croazia, ha quindi evidenziato che la collaborazione economica Fvg-Usa è molto significativa e gli Stati Uniti sono uno dei primi mercati per l’export della nostra regione, che sta puntando con convinzione sull’attività di attrazione d’investimenti esteri. Negli ultimi tre anni la quota di investimenti esteri sul territorio è triplicata, passando dal 2 percento del totale nazionale al 6 percento. Considerato che la regione conta 1,2 milioni di abitanti ed esprime il 2 percento del Pil nazionale è un risultato eccezionale, che testimonia lo straordinario valore del nostro contesto insediativo. Tra questi il dato che ha fatto registrare la crescita più importante è proprio quello degli Usa.

Dialogando con importanti esponenti del sistema produttivo statunitense a margine dell’evento, l’assessore alle attività produttive ha avuto modo di sottolineare come il Friuli Venezia Giulia, essendo una Regione a statuto speciale, possa accompagnare lo sviluppo economico con strumenti dedicati: la tassazione regionale è azzerata per i nuovi investimenti; è disponibile un fondo di garanzia che supporta gli investimenti di venture capital ed è stato sviluppato un sistema di finanziamento a sostegno della ricerca e sviluppo. Inoltre, il Friuli Venezia Giulia si conferma un territorio estremamente attrattivo per i turisti, con ricadute importante dal punto di vista economico e degli investimenti.

Successivamente,  il presidente, l’assessore e la delegazione Fvg sono quindi stati ospiti del National Italian American Foundation Gala, nell’ambito del quale il Friuli Venezia Giulia è stato indicato come “Regione d’onore per l’anno 2024”. Nell’occasione il presidente della Regione ha confermato l’importanza dei rapporti con le associazioni degli italiani all’estero, quale appunto la Niaf, e con tutte quelle realtà in grado di fungere da piattaforma per gli investimenti creando sinergia importanti. Questo tipo di contatti qualificati facilita infatti anche la creazione di rapporti economici e favorisce gli investimenti e, in un momento internazionale complesso come quello attuale, è doveroso guardare alle nazioni che rappresentano e difendono un valore fondamentale come la libertà, che si trova alla base della cultura e della storia delle democrazie occidentali.

Conclusa questa missione istituzionale i rapporti tra la Regione e il Niaf proseguiranno nei prossimi mesi, in vista dell’importante appuntamento di ottobre con il grande Gala organizzato dal sodalizio a Washington. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform