direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Festa della Repubblica all’insegna dell’amicizia italo-sammarinese: messaggio di Elisabetta Righi Iwanejko, Presidente dell’Associazione San Marino-Italia

ASSOCIAZIONI

 

 

SAN MARINO – In occasione delle celebrazioni della Festa della Repubblica Italiana, il Presidente dell’Associazione San Marino-Italia, Elisabetta Righi Iwanejko, ha rivolto un messaggio all’insegna dell’amicizia tra il popolo italiano e quello sammarinese. “Due comunità, legate da un antico spirito di fratellanza e condivisione di ideali e valori, che hanno affrontato con coraggio, determinazione, speranza la dura prova dell’emergenza coronavirus, dove, oltre agli sforzi del personale sanitario, a fare la differenza è stata proprio la cosiddetta coesione civica che da troppo tempo si era persa nelle complesse dinamiche del mondo globale. Un giorno importante, emblematico nell’anticipare una ripartenza che, auspichiamo tutti, potrà dare il via ad un nuovo slancio per entrambi i nostri Paesi in termini economici, commerciali, produttivi, turistici e sociali”, ha commentato Elisabetta Righi riferendosi quindi al 2 giugno come una data simbolica. “L’Italia, così come San Marino pur in un momento di sofferenza, ha saputo reagire con laboriosità e sacrificio, stringendosi in un grande territorio unito, pur nelle proprie diversità, contraddistinto dalla ricchezza d’animo di chi lo abita e lo fa vivere. Un pensiero, in primo luogo, per tutti coloro che non ci sono più, e che, dopo un doveroso omaggio, dobbiamo onorare quotidianamente con il nostro lavoro, con il nostro impegno personale, perché la vita continua e spetta a noi renderla degna di essere vissuta”, ha aggiunto Righi ricordando come il 2 giugno 2020 possa essere equiparato, per l’importanza e la gravità degli eventi che lo hanno preceduto, proprio a quel 2 giugno 1946, che segnò a tutti gli effetti la rinascita dalle ceneri del secondo conflitto mondiale. “Non dobbiamo dimenticare che la nostra vera ricchezza è la capacità di interagire, di collaborare, di confrontarci costantemente con le rispettive istituzioni, le menti, le tradizioni, le imprese, le associazioni, le specificità locali”, ha concluso Righi. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform