direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Domani a Firenze, seminario sul sistema moda toscano. Analisi e prospettive

INCONTRI

FIRENZEE – Domani 17 gennaio a Firenze, presso la Sala Pegaso del Palazzo Strozzi Sacrati, si terrà un seminario dal titolo “Il Sistema moda toscano, analisi e prospettive a partire dal rapporto IRPET, un lavoro di ricerca realizzato da Natalia Faraoni e Tommaso Ferraresi con il coordinamento di Simone Bertini.

Lo studio evidenzia la capacità del sistema moda toscano di reagire, pur a seguito di un processo di selezione e restringimento, alle minacce della globalizzazione, e il ruolo centrale che questo ha avuto nella ripresa dell’economia regionale all’indomani della grande recessione. Le produzioni della moda sono state in grado di consolidarsi negli ultimi anni, trainate dalle esportazioni che, attraverso le filiere produttive interne alla regione, sono state generatrici di ricchezza anche per chi non è direttamente affacciato sui mercati internazionali. I settori che più hanno sofferto, in effetti, sono stati quelli più in difficoltà a riposizionarsi sui mercati esteri, come il tessile e le calzature.

Il successo in termini di esportazioni e di addetti degli ultimi anni si deve in particolare alla filiera della pelletteria, che sembra assumere in Toscana la forma di un vero e proprio sistema. Ma il recupero di competitività delle produzioni più arretrate e la persistenza nel successo di quelle più dinamiche passa anche per l’innovazione tecnologica ed è in questo ambito che, da una prima analisi, le imprese della moda appaiono effettivamente in ritardo rispetto agli altri settori sul campo dei processi di digitalizzazione e della relativa ristrutturazione organizzativa.

Dopo un’introduzione dell’Assessore Stefano Ciuoffo, Stefano Casini Benvenuti di IRPET (Istituto Regionale Programmazione Economica della Toscana) analizzerà il tema partendo proprio dal rapporto sul sistema moda toscano e aprendo un confronto con i rappresentanti delle associazioni di categoria. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform