direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Dalla Caritas di Roma preoccupazione per la proposta del Governo in materia di regolamentazione delle slot-machine

SOCIETA’

Mons. Feroci : “Regolamentare questo settore vuol dire avere a cuore i giovani”

 

ROMA – “L’azzardo non è un’industria, non è una fonte di entrata per lo Stato, non produce sviluppo per il paese. L’azzardo, in tutte le sue forme anche quelle più tradizionali e popolari, è invece il fattore che più contribuisce a una cultura del ‘tutto e subito’, a una vita fatta di scorciatoie, a un’economica che continua a vivere sulle spalle delle generazioni future. Per questo non siamo soddisfatti della proposta di riordino del sistema slot-machine presentata dal Governo alla Conferenza Stato-Regioni lo scorso 2 febbraio e resa pubblica ieri da Pier Paolo Baretta, sottosegretario al Ministero dell’Economia”. Così monsignor Enrico Feroci, direttore della Caritas di Roma, esprime preoccupazione per la proposta del Governo sul settore slot-machine.

Per il direttore della Caritas “regolamentare questo settore vuol dire avere a cuore i giovani, che le lobby vedono come mercato in espansione, vuol dire ridurre l’offerta e la pubblicità dei giochi, vuol dire fare scelte coraggiose e nette, come è stato fatto con l’industria del tabacco”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform