direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Capelli come messaggi al vento”: le proposte di Medici con l’Africa Cuamm per il Natale e il nuovo anno

ONG

12 acconciature, 12 storie di tradizione, spiritualità e politica, per un’Africa di cui continuare a meravigliarci realizzate da Diana Ejaita, illustratrice e designer italo-nigeriana. Accanto ad esse, l’artigianato tradizionale e le serigrafie dello street artist Alessio-B.

PADOVA – Calendari, agende, ma anche tazze e borracce per la Special Edition di Natale che racconta, attraverso le acconciature, la storia, l’identità di chi le indossa, che va ben oltre lo stile. E insieme una linea di artigianato tradizionale: matite fatte da artigiani tanzani, borse, astucci e palline di Natale realizzate con stoffe africane fatte a mano grazie alla collaborazione tra Cuamm e sartorie sociali nelle quali trovano impiego donne e uomini provenienti da diversi paesi africani. Sono molte e varie le idee solidali proposte da Medici con l’Africa Cuamm per il Natale 2021. A impreziosirle anche le serigrafie firmate dallo street artist Alessio-B.

Diana Ejaitaillustratrice e designer italo-nigeriana firma per Medici con l’Africa Cuamm la Special Edition di Natale. Il tema di quest’anno è “Capelli come messaggi al vento”. Tradizione, legame con la comunità, spiritualità e storia. Le acconciature raccontano storie, svelano le identità di chi le porta, parlano del rango, dello stato civile o della religione, vanno ben oltre lo stile. Per molte popolazioni i capelli racchiudono una forte valenza spirituale, in quanto posti nella parte più alta del corpo, vicini al cielo e tramite tra divinità e anima della persona. In epoca più recente hanno assunto un valore politico, dall’identità nera negata attraverso la pratica della stiratura chimica dei primi del ‘900 alla rivendicazione delle chiome afro negli anni ’50. Dodici acconciature sono dodici storie di tradizione, spiritualità, stile e politica, che ci raccontano di un’Africa ricca di vita e della quale non smettere mai di meravigliarsi.

E quest’anno, i regali solidali di Medici con l’Africa Cuamm si impreziosiscono con 20 serigrafie originali firmate e numerate da Alessio-B, noto street artist, donate dall’artista al Cuamm in occasione della Biennale di Street Art 2021. Una donna africana, che tiene sulle spalle la sua bimba, disegna un cuore vicino alla sagoma dell’Africa. Un’immagine molto dolce e coinvolgente che mette al centro le mamme e i bambini, come l’intervento del Cuamm. Presso l’Info point Cuamm di Padova (via San Francesco 101) è possibile trovare anche i cataloghi della Biennale Street Art 2021, con la cartolina dell’opera di Alessio-B.

Non mancano, infine, tra le proposte di dono anche le buone cause: biglietti digitali e cartacei, personalizzabili, con illustrazioni firmate da Andrea Rivola.

Le donazioni raccolte andranno a sostenere la campagna “Un vaccino per noi”.

Un vaccino per “noi”

Davanti a un’emergenza globale, l’unica risposta possibile deve essere globale. L’Africa non può restare esclusa. Vaccinare medici, infermieri e la popolazione africana è un atto di solidarietà e insieme di sicurezza per tutti, anche per noi: solo così riusciremo a interrompere la diffusione del virus e delle sue varianti. Serve un piano vaccinale anti Covid in Africa. Servono più dosi. E queste dosi, poi, devono diventare “vaccinazione vera”. Per questo Medici con l’Africa Cuamm ha lanciato la campagna “Un vaccino per noi”.

Nata nel 1950, Medici con l’Africa Cuamm è la prima Ong in campo sanitario riconosciuta in Italia e la più grande organizzazione italiana per la promozione e la tutela della salute delle popolazioni africane. Realizza progetti a lungo termine in un’ottica di sviluppo, intervenendo con questo approccio, anche in situazioni di emergenza, per garantire servizi di qualità accessibili a tutti. Oggi Medici con l’Africa Cuamm è impegnato in 8 paesi dell’Africa sub-Sahariana (Angola, Etiopia, Mozambico, Repubblica Centrafricana, Sierra Leone, Sud Sudan, Tanzania, Uganda) con oltre 4.700 operatori sia europei che africani; appoggia 23 ospedali, 855 strutture sanitarie e 127 distretti (per attività di sanità pubblica, assistenza materno-infantile, lotta all’Aids, tubercolosi), 3 scuole per infermieri (in Sud Sudan, Etiopia e Uganda) e un’università in Mozambico.

Scopri tutte le proposte per questo Natale Solidale su https://regalisolidali.cuamm.org/. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform