direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Approvata dal Consiglio di Indirizzo e Vigilanza la Relazione Programmatica 2021-2023

INPS

 

ROMA – Il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza, nel quale sono rappresentati coloro che versano, annualmente, oltre 230 miliardi di euro all’Inps, ha approvato alla unanimità, ieri  20 maggio, la Relazione Programmatica 2021 – 2023.

Si tratta dell’atto fondamentale di indirizzo strategico per l’Inps per il prossimo triennio. Il quadro emergenziale della pandemia di questi mesi – sottolinea il presidente del Civ Inps Guglielmo Loy – ha fortemente impattato non solo sulle dinamiche socioeconomiche, ma anche sulle strutture e sui lavoratori dell’Istituto e, inevitabilmente, anche sulla cittadinanza e sugli utenti (imprese e lavoratori). Tutto ciò in conseguenza della rilevante mole di provvedimenti normativi tesi a contrastare gli effetti della crisi. L’emergenza da Covid-19 ha, in particolare, evidenziato e reso urgente l’esigenza, più volte rappresentata, del riordino dell’attuale modello operativo rispetto alle numerose e diversificate prestazioni da erogare ai cittadini puntando, con rapidità, al pieno coinvolgimento di quelle realtà riconosciute che collaborano, tutelando gli utenti,  con l’Istituto.

Tale nuovo e preoccupante contesto socio – economico, peraltro certificato dalle stime,  sulle minori entrate per oltre 17 miliardi  di euro,  e per le maggiori uscite dal Bilancio dell’Istituto di circa 18,7 miliardi (per un totale di 35,7 miliardi)  ha indotto il Consiglio – sottolinea Guglielmo Loy – ad elaborare una Relazione Programmatica articolata sia in obiettivi profondamente legati agli insegnamenti derivanti dagli effetti della gestione delle recenti attività, sia su elementi programmatici con valore pluriennale.

In particolare il Civ indica come strada maestra la questione della semplificazione delle procedure, in particolare sulle prestazioni di sostegno al reddito. Ciò si rende necessario per il troppo basso tasso di percettori della prestazione di cassa integrazione a pagamento diretto, a 2 mesi dalla entrata in vigore del provvedimento, rispetto ai potenziali beneficiari interessati: 37,5%. È fondamentale per il Civ Inps, trovare un equilibrio gestionale che, pur in presenza di innovate funzioni di natura assistenziale, spesso occasionale, affidategli dal legislatore, mantenga salda la funzione previdenziale e mutualistica rendendo rapidamente esigibili tutte le prestazioni che è chiamato a erogare. A tal fine il Civ Inps chiede di definire, immediatamente, una efficace Carta dei Servizi a garanzia della utenza dell’Istituto.

Il Civ Inps, anche per evitare problematiche negative, purtroppo emerse nel recente passato, chiede a chi ha la responsabilità di gestione dell’Istituto, di procedere, prima di dover avviare nuove procedure per altre prestazioni sociali, di consolidare una attenta “Valutazione sull’impatto operativo (v.i.o.)”. La Relazione Programmatica approvata – conclude Guglielmo Loy – è la linea guida politica indirizzata agli Organi di gestione dell’Istituto, Consiglio di Amministrazione, Presidenza e Direzione Generale per una conseguente, urgente, azione attuativa che dovrà avere riflessi non solo nell’anno corrente ma anche nel prossimo triennio. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform