direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

All’IIC di Amburgo il 27 marzo l’incontro con Fabio Stassi, autore di “Uccido chi voglio”, edito da Sellerio

APPUNTAMENTI

 

AMBURGO – Domenica 27 marzo, alle ore 11, l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo ospiterà una Matinée letteraria con Fabio Stassi, autore del giallo “Uccido chi voglio” edito dalla Casa editrice  palermitana Sellerio nel 2020 e tradotto in tedesco nel 2022 da Annette Kopetzki per la Casa editrice Edition Converso.

Annette Kopetzki modererà l’incontro e curerà la traduzione.

La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria.

Il giallo di Fabio Stassi è stato argomento di discussione nell’appuntamento mensile del Caffé Letterario di marzo dell’IIC a cui partecipano appassionati di letteratura italiana e componenti della Giuria del Premio Strega.

Fabio Stassi, nato in Sicilia nel 1962, ma cresciuto a Roma, proviene da una famiglia della minoranza etnica degli Arbëreshë. È direttore della Biblioteca di Studi Orientali dell’Università Sapienza di Roma ed editore della casa editrice Minimum Fax. Ogni giorno si reca al lavoro in treno dalla sua casa di Viterbo e utilizza il tempo di viaggio per leggere e scrivere. La sua produzione letteraria è varia; scrive romanzi e saggi, libri per bambini e articoli. Per il suo primo romanzo, Fumisteria (non ancora tradotto), Fabio Stassi ha ricevuto il “Premio Vittorini” per il miglior romanzo d’esordio nel 2007. Dopo aver riscosso un importante successo con questo romanzo e con i primi due volumi di quella che lo scrittore ama definire la trilogia delle Americhe, vale a dire “È finito il nostro carnevale” (2007) tradotto in tedesco nel 2010, e “La rivincita di Capablanca” (2008), anch’esso tradotto in tedesco, cresce la sua notorietà all’estero, in particolare in Germania.

Il suo ultimo libro, Uccido chi voglio, racconta la terza (dis)avventura di Vince Corso, già protagonista dei suoi precedenti “La lettrice scomparsa” (2016) e “Ogni coincidenza ha un’anima” (2018). Vince ha una professione insolita: è un biblioterapeuta, ossia cura i malanni delle persone consigliando loro dei libri da leggere. La sua nuova avventura avrà tinte più nere che mai, con un enigma che porta il protagonista a smarrirsi tra le ombre e a interrogarsi sul potere minaccioso e salvifico delle parole. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform