direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A “l’Italia con voi”, l’ambasciatore d’Italia in Cile Mauro Battocchi sul nuovo corso del Paese e il profilo della collettività italiana residente in loco

ITALIANI ALL’ESTERO

 

Il collegamento a pochi giorni dall’insediamento del nuovo presidente Gabriel Boric, il più giovane della storia cilena

(fonte immagine Rai Italia)

ROMA – A “l’Italia con voi”, la trasmissione di Rai Italia dedicata ai connazionali all’estero, l’ambasciatore d’Italia in Cile Mauro Battocchi interviene in collegamento per commentare l’insediamento del nuovo presidente Gabriel Boric, 35 anni, il più giovane della storia cilena.

Per Battocchi si tratta di “un momento di grande cambiamento e anche di grande speranza per il Cile” e ricorda che sono passati solo due anni e mezzo dallo “scoppio sociale”, le manifestazioni di protesta molto violente in cui si leggeva l’espressione di “malessere profondo” della società cilena. “Le istituzioni hanno saputo incanalare questo processo e il malessere si è trasformato in un percorso istituzionale – segnala l’Ambasciatore, ricordando che, oltre al nuovo presidente, che testimonia “un cambio generazionale e culturale” della vita politica locale, vi è al lavoro anche un’assemblea costituente che sta formulando una nuova Costituzione e che potrà dare nuovo impulso a questo cambiamento.

Battocchi richiama anche lo storico legame dell’Italia con il Cile, che non si è interrotto neppure in questi anni difficili – medici italiani sono giunti in loco anche nella fase più acuta dell’emergenza pandemica.

Per quanto riguarda il profilo della comunità italiana residente in Cile, ci sono “giovani professionisti o imprenditori che lavorano nel mondo della ristorazione con grande successo – segnala l’Ambasciatore parlando dell’emigrazione più recente, senza dimenticare i tanti discendenti di italiani emigrati che ormai arrivano sino alla quinta generazione. “In tutto siamo circa 75 mila persone, una comunità molto dinamica e ben inserita nella società cilena, con una presenza straordinaria in tutti i settori – ricorda Battocchi, che segnala anche la presenza in Cile di due scuole paritarie in cui si insegna l’italiano, una a Santiago e l’altra a Valparaiso, “che sono portaerei straordinarie per diffondere la nostra lingua e cultura”.

Sui motivi che hanno reso il Cile Paese così apprezzato anche dai nostri connazionali, l’Ambasciatore ricorda che esso “ha conosciuto negli ultimi decenni periodi di grande crescita economica, una crescita – precisa – così rapida che ha creato anche gravi contraddizioni”. “Si tratta inoltre di una delle economie più solide dell’America latina, con il reddito pro-capite più alto di tutto il sub-continente – aggiunge l’Ambasciatore, che ricorda anche la bellezza paesaggistica dei luoghi.

“Nonostante il periodo turbolento, Italia e Cile hanno rafforzato i loro rapporti e le potenzialità di crescita sono ancora tante, specie nel settore dell’innovazione. Il Cile è un paese che guarda al futuro ed è una terra straordinaria per le energie rinnovabili e l’impegno per la transizione ecologica – afferma Battocchi, confermando il protagonismo del Paese anche nel futuro dell’America latina e come partner dell’Italia. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform