direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Bojano “Molise Noblesse” per la promozione del territorio regionale

APPUNTAMENTI

Un’iniziativa promossa dal Centro Studi Agorà in collaborazione con Un Mondo d’Italiani e l’Istituto Italiano Studi Filosofici per valorizzare storia, cultura e territorio molisano

 

CAMPOBASSO – Si svolgerà mercoledì 9 agosto alle ore 18 a Palazzo Colagrosso a Bojano “Molise Noblesse”, iniziativa dal sottotitolo “Il Molise esiste, ed è nobile. Disveliamo il Mito della nobiltà del Molise e di una Emigrazione riscattata da immagini stereotipate e obsolete. Un brand per la promozione del territorio” promossa dal Movimento per la Grande Bellezza di una piccola Regione del Centro Studi Agorà in collaborazione con Un Mondo d’Italiani e l’Istituto Italiano Studi Filosofici per la promozione del territorio regionale.

Alla serata, patrocinata dal Comune di Bojano, MolisE’, Regione Molise, Servizio Civile Turchese, Il Pentagramma e Aitef e inserito nel cartellone dell’Agosto Bojanese proposto da ViviBojano, interveranno: Mina Cappussi, giornalista e scrittrice, ideatrice del Molise Noblesse Festival; Giulio De Jorio Frisari dell’Istituto Italiano Studi Filosofici e visiting professor all’Università di Tessalonica; Natalino Paone, studioso e scrittore; Pasquale Lombardi, assessore del Comune di Fornelli. Porteranno i loro saluti Clementina Columbro, neo assessore alla Cultura del comune di Bojano, e Nico Ioffredi, consigliere delegato alla Cultura della Regione Molise. Il Molise Noblesse Festival è un’iniziativa di promozione territoriale organizzata in collaborazione con i comuni di Fornelli e di Gildone e numerosi partner.

“Il Molise – spiega Cappussi – è una terra che ha un grande potenziale da sviluppare e lo fa con una serie di iniziative volte a costruire una memoria collettiva nel senso dell’appartenenza e nel riscattare l’idea di emigrazione dalla sua genericità controversa e anonima, quella, per intenderci, della tanto abusata valigia di cartone legata con lo spago, per avviare un percorso di studi e ricerche destinate a far sì che l’emigrazione italiana nel mondo diventi suggestiva, indicando itinerari storici, letterari, filosofici, artistici alla scoperta del genio italiano e di ciò che, nello specifico, i molisani sono riusciti ad esportare oltre i confini regionali, contribuendo a costruire quell’immagine dell’Italia, patria universale della cultura, della bellezza, del gusto e dell’eleganza, che è alla base della fortuna economica del made in Italy”.

Il percorso propone dunque “ricerche e iniziative volte a valorizzare i personaggi storici e i talenti molisani, e a far conoscere i mille volti della regione” e si propone di far divenire segni distintivi della regione “la nobiltà del Molise e della sua emigrazione”, attraverso la valorizzazione dei personaggi illustri che hanno fatto la storia nel territorio in cui sono nati o dove hanno operato e delle eccellenze di oggi. La strategia proposta “è quella dell’attrattività di eventi in grado di coinvolgere attivamente il pubblico autoctono e i turisti”, con l’obiettivo di “affermare il Molise come polo attrattivo per un turismo di nicchia, un turismo slow, del benessere e della natura”.

I prossimi eventi del Molise Noblesse Festival saranno le Notti Turchese, il 17 e 18 agosto a Monteverde e Bovianum Caput Pentrorum il 24 agosto a Palazzo Colagrosso. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform