direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il 7 maggio la conferenza online del Prof. Francesco Vizza, direttore dell’Istituto di Chimica dei Composti Organometallici del CNR, su Luigi Lilio, artefice della riforma del calendario gregoriano

APPUNTAMENTI

Iniziativa del Consolato Generale d’Italia in Hannover in collaborazione con l’IIC di Amburgo e il Comites di Hannover

 

HANNOVER – Il Consolato Generale d’Italia in Hannover, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo e il Comites di Hannover, presentano il 7 maggio, alle ore 18,  la conferenza online del Prof. Francesco Vizza, direttore dell’Istituto di Chimica dei Composti Organometallici del Consiglio Nazionale delle Ricerche, dedicata a Luigi Lilio, artefice della riforma del calendario gregoriano.

L’evento si terrà in lingua italiana sulla piattaforma zoom del Consolato: https://bit.ly/2R6g07I, alla quale sarà possibile accedere a partire dalle ore 17.45 dello stesso giorno. Introdurranno la conferenza il console generale d’Italia in Hannover, Giorgio Taborri, la direttrice dell’IIC di Amburgo, Nicoletta Di Blasi e il presidente del Comites di Hannover, Giuseppe Scigliano.

Dall’alba della civiltà tutti i popoli hanno cercato invano di sincronizzare con esattezza le date del calendario con i cicli delle stagioni. Solo Luigi Lilio artefice della riforma del calendario gregoriano vi riuscì. Eppure la riforma del calendario, che non porta il suo nome, bensì quello del papa Gregorio XIII che l’ha promulgata nel 1582, segna un momento fondamentale nella storia del computo del tempo civile. Il calendario di Lilio, rimasto invariato, è quello che dopo circa mezzo millennio ancora oggi adoperiamo. La vita di questo scienziato è avvolta dal mistero; di lui abbiamo solo qualche debolissima traccia. Persino il manoscritto che racchiudeva i suoi calcoli non è stato mai stampato ed è scomparso senza lasciare traccia.

Il prof. Vizza spiegherà perché nel 1582 furono cancellati dieci giorni dal calendario allora in uso e ricostruirà la vita e l’opera di Luigi Lilio.

Francesco Vizza nasce a Cirò in provincia di Cosenza il 7 aprile 1957. Dal 1977 vive e lavora a Firenze, dove si è laureato nel 1982 in Scienze Biologiche. Dopo la laurea si è perfezionato in studi di Chimica presso l’Istituto di Chimica Generale e Inorganica dell’Università degli Studi di Firenze sotto la guida del Prof. Mario Ciampolini. Nel 1986 ha iniziato la sua carriera da Ricercatore in Chimica presso l’Istituto per lo Studio della Stereochimica ed Energetica dei composti Organometallici del Centro Nazionale di Ricerca (ICCOM‐CNR di Firenze), di cui- dopo esserne stato il Primo Ricercatore – dal 2010 ne è il Dirigente. Inoltre dal 2012 è Professore ordinario di Fondamenti di Scienze Chimiche ed dei sistemi inorganici presso l’Università degli Studi di Firenze. Vizza ha coordinato numerosi progetti di ricerca della Comunità Europea, del CNR, della Regione Toscana, del Ministero Università e Ricerca, del Ministero dell’Ambiente, del Ministero Sviluppo Economico e di Aziende private italiane e straniere. È Revisore Scientifico (referee) delle più importanti riviste internazionali di Scienze Chimiche; Responsabile Scientifico di un Laboratorio di Materiali per l’Energia del CNR che rappresenta un punto di riferimento del settore a livello internazionale. È referente scientifico nel settore Energia e Risparmio Energetico del centro “Ricerca e Impresa” dell’Area CNR di Firenze; membro del “Distretto Tecnologico Toscano” e del  “Polo Nanotecnologie” di Pisa. Inoltre è responsabile del settore ricerca “Idrogeno e Fuel Cells” del Gruppo Interdivisionale di Chimica per le Energie Rinnovabili della Società Chimica Italiana. Francesco Vizza è anche membro del collegio docenti della Scuola di Dottorato in Scienze Chimiche e Farmaceutiche dell’Università di Siena e Responsabile Scientifico del Personale in Formazione (Laureandi, Dottorandi di Ricerca e Post‐Doctorals) presso l’ICCOM‐CNR. Ha collaborato e collabora tuttora con ricercatori europei, ma anche cinesi, giapponesi e americani. È autore di 180 pubblicazioni scientifiche (peer reviewed, ISI) edite dalle più prestigiose riviste internazionali di Scienze Chimiche ad alto Impact Factor. È autore di 2 brevetti mondiali di invenzione industriale, sulla produzione di energia sostenibile. Ha scritto 2 monografie a diffusione internazionale e numerosi capitoli di libri ed è coautore di numerose pubblicazioni scientifiche. Ha partecipato a programmi televisivi nazionali di divulgazione scientifica come Super Quark, Geo & Geo e RAI Educational ed ha ricevuto diversi riconoscimenti scientifici.

Da diversi anni si occupa di ricerca archivistica mirata alla riscoperta di personaggi illustri cirotani poco noti o addirittura sconosciuti nella storia della scienza: è così che ha scoperto e fatto conoscere Luigi Lilio, ideatore della riforma del calendario gregoriano, contribuendo a chiarire diversi aspetti storici e scientifici della sua opera. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform