direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Violenza in Myanmar: Dichiarazione dei Ministri degli Esteri del G7

ESTERI

 

ROMA  – Violenza in Myanmar : Dichiarazione dei Ministri degli Esteri di Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito e Stati Uniti e dell’Alto Rappresentante dell’Unione Europea

“Noi, i Ministri degli Esteri del G7 di Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito e Stati Uniti e l’Alto Rappresentante dell’Unione Europea condanniamo con fermezza gli atti di violenza commessi dalle forze di sicurezza del Myanmar contro pacifici manifestanti. Esprimiamo la nostra solidarietà per coloro che hanno perso la vita. Le forze militari e di polizia sono chiamate ad esercitare la massima moderazione e a rispettare i diritti umani e il diritto internazionale. L’impiego di munizioni letali contro persone disarmate è inaccettabile. Chiunque risponda con la violenza a manifestazioni pacifiche sarà chiamato a risponderne.

Condanniamo le intimidazioni e la repressione di coloro che si oppongono al colpo di stato. Esprimiamo la nostra preoccupazione per la limitazione della libertà di espressione, anche tramite l’oscuramento di Internet e le drastiche modifiche alla legge volte a reprimere la libertà di parola. La sistematica persecuzione di manifestanti, medici, giornalisti e membri della società civile deve cessare e lo stato di emergenza deve essere revocato. Continuiamo a chiedere il pieno accesso agli aiuti umanitari a sostegno dei più vulnerabili.

Restiamo uniti nel condannare il colpo di stato in Myanmar. Rinnoviamo il nostro appello per il rilascio immediato e incondizionato di coloro che sono detenuti arbitrariamente, ivi compresi il Consigliere di Stato Aung San Suu Kyi e il Presidente Win Myint, e rimaniamo a fianco del popolo del Myanmar nella sua ricerca di democrazia e libertà”. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform