direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Viaggiare in Sicurezza”, relazioni tra Italia e Tanzania: intervento dell’Ambasciatore a Dar-es-Salaam Marco Lombardi

FARNESINA

 

ROMA – L’Ambasciatore d’Italia a Dar-es-SalaamMarco Lombardi è intervenuto nella nuova puntata di Viaggiare in Sicurezza, in onda di lunedì su Isoradio, per parlare delle relazioni tra Italia e Tanzania. Si tratta del secondo Paese più popoloso all’interno dell’Africa Orientale, indipendente dalla Gran Bretagna dal 1961. La Tanzania ha relazioni diplomatiche con l’Italia dalla metà del XX secolo ed è un Paese da 61 milioni di abitanti con un tasso di crescita demografica all’anno del 3%, composto da una popolazione molto giovane con una età media di 17 anni.  L’Italia ha nel Paese una reputazione molto importante grazie anche all’opera dei nostri missionari che sono lì dalla fine del primo conflitto mondiale. Abbiamo inoltre una presenza della società civile italiana importantissima, composta da molti imprenditori che negli ultimi anni hanno investito quasi 2 miliardi di dollari. Per non parlare del flusso turistico importante concentrato soprattutto a Zanzibar, che crea in Italia quasi 20 mila posti di lavoro. Dal nostro Paese la Tanzania importa molti macchinari agricoli e attrezzature mediche; ma vi è anche un forte interesse per il nostro agroalimentare e la moda, mentre l’Italia importa dalla Tanzania vari prodotti agricoli. L’Ambasciatore Lombardi ha sottolineato che si tratta di un Paese che ha un sottosuolo ricco di materie mentre l’agricoltura ha un peso di circa il 60% sull’economia della Tanzania, dove è in corso un processo di meccanizzazione. “Ogni anno 200mila italiani si recano in Tanzania, in particolare a Zanzibar, per vacanza”, ha ricordando Lombardi parlando dapprima di flussi turistici ma poi anche di connazionali residenti stabilmente. Si stimano circa duemila persone tra residenti in forma stabile e persone temporaneamente presenti in Tanzania. L’Ambasciatore ha spiegato che molti sono volontari: gente che viene dall’Italia per fare volontariato ma che poi rientra; ci sono poi anche tanti imprenditori. Lombardi ha delineato l’immagine di un Paese tranquillo benché ancora in via di sviluppo: in ogni caso sicurezza sì ma bisogna fare sempre attenzione, secondo quanto consigliato dall’Ambasciatore. “Gli abitanti della Tanzania sono persone simpaticissime e sempre disponibili”, ha evidenziato Lombardi. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform