direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Università Bocconi: al LEAP le carriere nella ricerca iniziano da studenti

RICERCATORI

Il 9 giugno cinque ex studenti parteciperanno alla LEAP Virtual Alumni Reunion 2021 e presenteranno le ricerche che stanno conducendo nelle scuole di dottorato delle università di tutto il mondo

 

MILANO – Quando, cinque anni fa, è stato istituito in Bocconi il Laboratory for Effective Anti-Poverty Policies (LEAP), grazie al contributo della Fondazione Romeo ed Enrica Invernizzi, il suo obiettivo diretto era contribuire a ridurre la povertà nel mondo attraverso la progettazione, l’analisi e la diffusione di efficaci programmi anti povertà. Attrarre brillanti studenti interessati all’argomento e fornire loro una conoscenza di base dei moderni metodi di ricerca delle scienze sociali era un obiettivo secondario, ma non meno degno, perseguito con un programma di studenti affiliati.

Da allora, una cinquantina di LEAP students hanno avuto l’opportunità di discutere ricerche e idee con studiosi della Bocconi e ospiti provenienti da tutto il mondo. Molti di questi studenti sono stati coinvolti in progetti di ricerca sul campo in Africa, Asia, Sud America ed Europa o hanno ricevuto un prezioso tutoraggio per le loro tesi. Venti di loro sono attualmente attivi in progetti LEAP.

Il 9 giugno, gli attuali LEAP students avranno un assaggio del loro possibile futuro, quando cinque ex studenti parteciperanno alla LEAP Virtual Alumni Reunion 2021 e presenteranno le ricerche che stanno conducendo nelle scuole di dottorato delle università di tutto il mondo.

Giulia Buccione (Brown University) esaminerà come l’esposizione a un canale televisivo affiliato a una chiesa influenzi la religiosità e l’adesione ai comportamenti economici e sociali prescritti dalla chiesa. La sua analisi dei cambiamenti sociali che hanno seguito l’espansione di RecordTV, un canale televisivo brasiliano che ha iniziato a trasmettere contenuti religiosi negli anni ’90, mostra un aumento della quota di pentecostali e del voto politico per i candidati pentecostali, così come cambiamenti comportamentali.

Giulia Caprini (European University Institute) mostrerà che le testate giornalistiche sfruttano le immagini principali (cioè le immagini in apertura degli articoli) per influenzare l’opinione dei lettori. “Ho costruito un dataset originale di oltre 2 milioni di immagini principali pubblicate da fonti di notizie statunitensi tra dicembre 2019 e dicembre 2020”, dice, “e mostro che le loro caratteristiche variano sistematicamente con l’inclinazione politica delle testate”.

Giacomo Lemoli (New York University) discuterà il ruolo dei media nel modellare la relazione tra repressione politica e formazione delle identità politiche, studiando il caso dei Paesi Baschi durante il tardo regime franchista e la transizione democratica spagnola (1960-1979). “Osservo che l’effetto dei media etnici varia a seconda dell’intensità locale della repressione”, anticipa.

Awa Ambra Seck (Harvard University) presenterà un argomento convincente per considerare la struttura sociale di un gruppo etnico quando si progettano politiche pubbliche. “La mia analisi si concentra sulle società divise in fasce d’età, gruppi etnici che comprendono oltre 130 milioni di persone nell’Africa sub-sahariana, in cui gli individui sono organizzati in fasce d’età, gruppi di uomini di età simile che hanno la priorità sui parenti”, spiega. La stessa politica, dimostra, può avere risultati molto diversi nelle società basate sulla parentela o sull’età. Le possibili applicazioni includono politiche redistributive e programmi di welfare.

Sara Spaziani (Brown University), utilizzando un dataset, appositamente costruito, di giovani lavoratori ugandesi prima, durante e dopo la pandemia di COVID, confermerà che il COVID-19 ha avuto un effetto sproporzionato sull’occupazione femminile in quel paese. “Lo studio colma una lacuna di conoscenza”, dice, “perché la ricerca esistente postula che le donne nell’Africa sub-sahariana hanno sofferto in modo sproporzionato per la recessione economica da COVID-19. Tuttavia, non sono ancora disponibili dati a sostegno di queste previsioni”. (Fabio Todesco-Knowledge, 4 giugno */Inform)

*Magazine dell’Università Bocconi di Milano

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform