direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Una delegazione del Ministero della Difesa italiano agli incontri semestrali del CoESPU

DIFESA E COOPERAZIONE

Conferenza all’Ambasciata d’Italia a Washington DC

 

WASHINGTON – Una delegazione del Ministero della Difesa italiano ha partecipato la scorsa settimana ai tradizionali incontri semestrali del CoESPU (Centro di Eccellenza per le Stability Police Units) a Washington DC.

La delegazione, composta dal direttore del CoESPU Gen. Brig. Giovanni Pietro Barbano, il suo vice capo dell’esercito americano Col. Gary Mann e altri rappresentati del Quartier Generale di Roma dei Carabinieri, hanno incontrato varie autorità presso il Dipartimento di Stato e il Dipartimento delle Difesa. Tra i temi trattati, le attività passate e future del CoESPU, molte delle quali vengono svolte in collaborazione con gli Stati Uniti.

La visita è stata anche un’occasione per rinnovare la solida cooperazione tra i due Paesi nella stabilizzazione delle aree di crisi. La conferenza, che ha consentito di discutere nuove idee e opportunità per future collaborazioni, si è svolta presso l’Ambasciata d’Italia. L’ambasciatore Armando Varricchio, che ha ospitato nella Sua residenza la delegazione italiana e alcuni membri dell’Assemblea Parlamentare della NATO in visita a Washington per l’annuale Forum Transatlantico, ha ricordato l’eccezionale cooperazione tra Italia e Stati Uniti nel campo della sicurezza in Afghanistan, Iraq e molte altre aree, manifestando un particolare apprezzamento per il ruolo svolto dall’Arma dei Carabinieri.

Il CoESPU, basato a Vicenza, è un centro di addestramento creato dal Governo italiano nel marzo 2005 a seguito dell’Action Plan del G8 “Expanding Global Capability for PSOs”. Questa iniziativa, sponsorizzata dal Dipartimento di Stato americano, si basa sull’esperienza internazionale sviluppata dall’Arma dei Carabinieri. Dalla sua fondazione, il CoESPU ha addestrato più di 10.000 ufficiali di polizia di 112 paesi, perché possano poi prestare servizio nelle Peace Support Operations guidate dalle Nazioni Unite e da altre Organizzazioni Internazionali. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform